Vaccino anti-cocaina: provata l'…

Un vaccino per trattare…

Cancro ovarico e altezza: la str…

La probabilità di svilupp…

A Bologna il VII Congresso Nazio…

Nel capoluogo emiliano …

Pediatria: tre parametri per pre…

[caption id="attachment_8…

Ritmi circadiani: il pancreas ha…

[caption id="attachment_7…

Mucosa vaginale ricostruita con …

Sindrome di Mayer-von Rok…

Casi di psoriasi che aumentano i…

La probabilità aumenta da…

Come la ris. magnetica puo' esse…

[caption id="attachme…

Vista: scoperti i meccanismi sul…

Lo studio di un gruppo di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperta una proteina che rallenta l’invecchiamento

Bloccando una proteina che regola l’attivita’ di alcuni geni, i ricercatori dell’ University of Pittsburgh School of Medicine sono riusciti a rallentare il processo di invecchiamento in un modello murino che soffriva di invecchiamento precoce, portandolo alla velocita’ normale. La scoperta, pubblicata sul ‘Journal of Clinical Investigation’ potrebbe condurre a nuovi farmaci che prevengono il danneggiamento cellulare dovuto non solo all’invecchiamento ma anche al cancro oppure alle malattie che causano anomalie nelle attivita’ di riparazione del Dna.


Il team di scienziati ha studiato l’attivita’ della proteina NK-kappa B, coinvolta nell’attivazione di geni legati alla risposta all’infiammazione, stress e danno cellulare. I ricercatori hanno scoperto una alta percentuale di cellule contenenti la proteina NF-kappa B attivata nei topi che soffrivano di progeria, che causa invecchiamento precoce. Secondo gli studiosi, un agente capace di bloccare questa proteina potrebbe essere in grado di rallentare il processo di invecchiamento.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x