Sindrome del cromosoma X fragile…

Ricercatori dell'Univ…

Ricerca medica avanzata in linea…

[caption id="attachment_6…

La cura del diabete con le stami…

Staminali come fabbr…

Emergenza Ebola in Guinea (59 mo…

"E' ebola". La conferma a…

HIV: cronologia di una lunga ric…

[caption id="attachment_3…

Ovuli e spermatozoi creati proge…

La cellula 'madre' che dà…

Proteine di trasporto: novita' e…

[caption id="attachment_7…

Dieta mediterranea salvaguarda s…

Seguire la dieta mediterr…

Epatite C: in Italia sono 1,5 mi…

L'Epatite C e' la prima …

La teoria dei neuroni che gestis…

Il nuovo studio ha anche …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

TBC: al via il progetto europeo, per diagnosi e cura

Migliorare la tecnologia per sviluppare nuovi farmaci contro la tubercolosi e’ l’obiettivo della Universidad Carlos III de Madrid (UC3M) nell’ambito di un progetto di ricerca europeo volto a studiare nuovi trattamenti per la malattia. Il progetto PREDICT-TB e’ una iniziativa congiunta pubblico-privato del Settimo Programma Quadro che intende studiare e migliorare le cure per la tubercolosi, malattia che colpisce quasi nove milioni di persone in tutto il mondo. L’obiettivo e’ quello di sviluppare esami preclinici (in vitro e in vivo) che forniscano dati essenziali per identificare criteri decisivi per l’efficacia di un trattamento e ottimizzare gli studi clinici di nuove combinazioni di farmaci.


“Questi dati permetteranno prima di valutare l’efficacia di combinazioni di farmaci e poi di ottimizzare gli studi clinici sui pazienti”, ha spiegato il responsabile della ricerca alla UCM3, Juan Josa Vaquero, del dipartimento di Biongegneria e ingegneria aerospaziale. In particolare, il lavoro dei ricercatori dell’ateneo madrileno, partner tecnologico del progetto, si concentrera’ sulla ricerca e lo sviluppo di tecnologie di imaging preclinico (nel breve termine, con una tomografia a raggi X a basso costo) e metodi per l’elaborazione di immagini e analisi per il monitoraggio della malattia in modelli animali. “Lavoreremo a stretto contatto con GlaxoSmithKline – ha detto Vaquero – nei cui laboratori prevediamo di utilizzare le nostre attrezzature, nonche’ con gli specialisti del Servizio di malattie infettive e microbiologia dell’Hospital General Universitario Gregorio di Madrid, che ha grande esperienza nella cura della tubercolosi”.
Nel lungo termine, i ricercatori contano di perfezionare la tomografia a emissione di positroni (PET) affinche’ sia utilizzabile per misurazioni quantitative. Il progetto dovrebbe durare 60 mesi, coinvolge 21 partner internazionali tra cui numerose universita’ inglesi, ed e’ attuato nel quadro della IMI (Innovative medicine initiative), collaborazione tra Unione europea, imprese farmaceutiche, autorita’ di regolamentazione e mondo accademico. (AGI) .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi