Pelle artificiale disegnata al c…

Pelle artificiale disegna…

Infarto: diversa percezione del …

[caption id="attachme…

Cellule staminali: riprogrammazi…

Alcuni ricercatori del We…

Cancro alla prostata: identifica…

Per la prima volta, s…

Sclerodermia localizzata: nuovi …

La scoperta apre le porta…

L'epilessia non è una malattia p…

35° Congresso LICE – Lega…

Mammografia: meglio se effettuat…

Prosegue il dibattito a c…

Codeina: evitarla nella cura del…

Il comitato per la Farmac…

Aggiornamento sul trattamento de…

[caption id="attachment_5…

CCSVI: Studio italo-americano a …

Uno studio italo-american…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Abbandono dei neonati e rischio infanticidio: per i neonatologi italiani bisogna puntare su una maggiore assistenza alle madri.

Il caso del piccolo Mario abbandonato a Milano ripropone l’urgenza di soluzioni.

La vicenda del piccolo Mario, affidato alla Culla della Vita della Clinica Mangiagalli di Milano, ripropone in modo urgente il problema dell’abbandono neonatale e induce necessariamente ad una riflessione non solo di ordine etico e giuridico, ma anche medico.

In Italia sono circa 3mila all’anno i neonati abbandonati e ritrovati (soprattutto vivi, ma anche morti): il 73% è figlio di italiane, il 27% di immigrate, prevalentemente tra i 20 e 40 anni; le minorenni risultano solo il 6%; di questi abbandoni circa400 l’anno, ancora troppo pochi, avvengono in ospedale.

 

Dal punto di vista della SIN Società Italiana di Neonatologia, si tratta di un problema estremamente importante che spesso trascende l’età neonatale e sconfina nell’età pediatrica e il cui confine dall’infanticidio è spesso assai sottile e difficilmente demarcato.

È una parte dell’assistenza neonatale che i Neonatologi italiani ben conoscono e di cui la “ruota degli esposti” rappresenta un aspetto marginale seppure di sicuro impatto sulla popolazione. La possibilità di partorire in Ospedale e avere la opportunità di non riconoscere il proprio figlio che verrà immediatamente avviato ad un percorso di adozione (progetto “Madre Segreta”), consente ogni anno a decine di donne in difficoltà di portare a termine la propria gravidanza e di garantire una vita adeguata al proprio piccolo, evitando decisioni pericolose per la vita di entrambi.

La approvazione della legge che consente tale opzione è stato un sicuro passo avanti della società civile italiana e dovrebbe essere promossa con maggiore enfasi ed incisività. Ma il problema è più ampio e si articola nella prevenzione della depressione postpartum, malattia strisciante, spesso di difficile diagnosi e che è il presupposto ai tristissimi casi di infanticidio. Ostetrici e Neonatologi sono  impegnati in questa difficile battaglia attraverso il programma di assistenza domiciliare alla donna  immediatamente dopo il parto, e il supporto di personale sanitario alle neo-mamme sembra essere il rimedio più efficace nel riconoscere e prevenire le situazioni di pericolo.

 

La ruota degli esposti, Madre Segreta e l’assistenza domiciliare alle puerpere sono l’arma chela SIN SocietàItaliana di Neonatologia incoraggia ad utilizzare per risolvere questa piaga che ancora affligge il 3° millennio. Tre importanti risorse per garantire, come avvenuto fortunatamente per il piccolo Mario, un futuro alle piccole vite nate in situazioni di disagio.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!