Sclerosi multipla: prima volta s…

La ricerca italiana segna…

Pediatria: boom di malattie inte…

Boom di ‘Mici’ tra i bamb…

Asma: con immunosoppressori migl…

Un tipo di asma cronica …

Fumatori: maggiore il rischio di…

I consumatori di tabacco,…

Monza doppio trapianto arti: usa…

[caption id="attachment_9…

HIV: cronologia di una lunga ric…

[caption id="attachment_3…

Una molecola comanda intervento …

Una molecola 'richiama' l…

Rivaroxaban di Bayer ha ridotto …

Presentati al Congresso E…

Alimentazione corretta, attività…

Nell’imminenza dell’Expo …

HIV: con antiretrovirali, ottenu…

I trattamenti antiretrovi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS: quattro farmaci in una sola pillola, per rendere più facile la vita dei pazienti

Una nuova compressa combina quattro farmaci,
rendendo più facile la terapia giornaliera per i malati

E’ arrivato alla conclusione della terza fase di sperimentazione (quella che ne valuta la sicurezza e l’efficacia) Quad, la nuova pillola prodotta dal colosso farmaceutico statunitense Gilead Sciences (che ha anche finanziato la ricerca) che combina quattro farmaci anti-Aids in un’unica compressa. Lo studio, pubblicato su The Lancet , riporta risultati positivi della somministrazione del nuovo medicamento su pazienti al primo trattamento per la cura dell’Hiv. Nel maggio scorso la Food and Drug Administration americana aveva espresso un parere favorevole sull’approvazione del farmaco, ma la decisione finale è prevista per il prossimo agosto.
QUATTRO IN UNA – Quad è composto da quattro principi attivi: elvitegravir, un inibitore di integrasi (l’integrasi è un enzima chiave nel ciclo vitale dell’Hiv che ne catalizza l’integrazione nel Dna di chi contrae il virus), due anti-retrovirali emtricitabina e tenofovir disoproxil fumarato e cobicistat, un agente farmaceutico potenziatore in grado di aumentare l’efficacia degli altri farmaci (soprattutto dell’elvitegravir).

LO STUDIO – Nel corso del primo test sono stati arruolati 700 volontari nordamericani che sono stati divisi in due gruppi. Agli appartenenti al primo è stato somministrato Quad, mentre quelli del secondo hanno assunto Atripla, un farmaco contenente tre principi attivi che dal 2006 fa parte della terapia standard per l’Hiv. Dopo 48 settimane l’88 per cento dei pazienti trattati con Quad ha visto scendere la propria carica virale al di sotto dei livelli rilevabili contro l’84 per cento di coloro che erano stati curati con Atripla. Gli effetti collaterali sono stati poco frequenti tra i due gruppi: i più comuni per chi aveva assunto il farmaco sperimentale sono stati problemi renali e nausea, mentre l’assunzione di Atripla ha evidenziato sintomi come vertigini, insonnia e rash cutaneo. In una seconda fase, condotta su 708 pazienti reclutati in Australia, Nord America ed Europa, Quad è stato messo a confronto con una terapia a base di atanazavir, un antimicrobico, emtricitabina e tenofovir disoproxil fumarato, potenziati con ritonavir. In questo caso, al termine delle 48 settimane previste, la percentuale di pazienti che ha mostrato una regressione della carica virale si è attestata al 90 per cento con Quad e all’87 per cento per coloro che avevano seguito l’altra terapia. A causa degli effetti collaterali soltanto il 3.7 per cento dei volontari ha dovuto interrompere la cura con Quad contro il 5.1 per cento dell’altro gruppo.

UNA PILLOLA AL GIORNO – Quando, negli anni Novanta, si è iniziato a curare la sindrome da immunodeficienza acquisita con farmaci anti-retrovirali, i pazienti erano costretti ogni giorno a ingerire decine di pillole, con il rischio di dimenticarne qualcuna, rendendo assai meno efficace la terapia. Se Quad riceverà l’approvazione alla commercializzazione, sarà sufficiente una compressa al giorno, con grande beneficio per la salute degli ammalati. «Seguire scrupolosamente la cura è vitale per i pazienti – ha dichiarato Paul Sax della Harvard Medical School, che ha guidato la prima fase di sperimentazione – poiché dimenticare una parte della terapia può facilmente rendere il virus resistente ai farmaci. I nostri risultati aggiungono un’opzione ben tollerata e molto potente al trattamento della patologia e mettono in evidenza la semplicità di una terapia basata sulla combinazione di differenti anti-retrovirali in una sola pastiglia».

IL PARERE DELL’ESPERTO – Abbiamo sentito il parere di Stefano Vella, uno degli scienziati più importanti al mondo in tema di Aids e attualmente direttore del Dipartimento del Farmaco presso l’Istituto Superiore di Sanità: «Il Quad, che ha buona probabilità di passare tutti i trial previsti, costituisce la prima formula che contiene l’inibitore dell’integrasi (già presente in altre composizioni come il Raltegravir) in un’unica compressa e questo è sicuramente un significativo passo avanti nelle terapie per l’Aids, che per definizione sono a vita, verso una semplificazione e un miglioramento delle cure alle quali si devono sottoporre i pazienti affetti dalla patologia». A questo punto però, come fa notare Vella, è importante che, a fronte di tanti e continui miglioramenti e successi da parte dell’industria farmaceutica, corrisponda anche un’attenzione verso il Sud del Mondo, affinché non esistano farmaci di serie A o di serie B. «Il problema dell’accessibilità ai farmaci è ormai condiviso anche dalla stessa industria del settore e io sono fiducioso che si possa trovare un’unica soluzione comune, superando il problema dei prezzi».

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!