Nanotecnologie: scienziati in gr…

Utilizzando le nanotecnol…

Invecchiamento cardiaco: scopert…

[caption id="attachment…

Arteriosclerosi: l'esposizione a…

L'esposizione al cadmio,…

Strutture molecolari tridimensio…

Per la prima volta in ass…

Comunicare le biotecnologie e l’…

A confronto scienziati e …

Movimenti oculari e legami con l…

Scienziati nel Regno Unit…

Al Policlinico di Bari la prosta…

Policlinico di Bari Urolo…

Tumore rettale: primo intervento…

Londra, 30 nov. - Un pazi…

Epatite C: farmaco per eradicarl…

Un anno dopo l'approvazio…

Mieloma multiplo: sviluppata nuo…

Sviluppata una molecola s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La FDA approva il primo farmaco contro l’obesità

La Food and Drug Administration (Fda, l’Agenzia governativa che si occupa negli Stati Uniti della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici) ha approvato, per la prima volta in 13 anni, un farmaco per combattere l’obesità.
Il Lorcaserin è un farmaco commercializzato dalla Arena Pharmaceuticals con il marchio Belviq, che consente di controllare l’appetito agendo sui recettori cerebrali. I test effettuati dimostrano che aiuta i pazienti a perdere una media del 3-3,7% del peso corporeo in un anno. Potrà essere somministrato ad adulti con un indice di massa corporea (Bmi) pari almeno a 30, o a 27 se soffrono di pressione alta, diabete o colesterolo alto.

“L’obesità minaccia il benessere dei pazienti ed è una delle maggiori preoccupazioni per la salute pubblica” ha detto Janet Woodcock, direttrice del Centro per la valutazione dei farmaci e la Ricerca della Fda. “L’approvazione di questa droga, usata responsabilmente con una dieta salutare e un appropriato stile di vita, consegna un’altra opzione agli americani per trattare l’obesità”.
L’ultimo farmaco per combattere l’obesità approvato negli Stati Uniti fu nel 1999 lo Xenillcal (Orlistat), prodotto dalla Roche.
Dopo l’iniziale successo – fu distribuito dalla GlaxoSmithKline come Alli – dovuto alla capacità di aiutare il corpo a evitare di assorbire i grassi, perse popolarità a causa della tendenza a provocare danni gastrointestinali.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi