Molte amicizie (vere) su Faceboo…

Buone notizie per gli ama…

Il meccanismo molecolare che ann…

[caption id="attachment_5…

Diagnosi di tumori al seno: le p…

Le protesi al seno rendon…

Igiene orale: i batteri possono …

Non lavarsi i denti può f…

Primo intervento alla prostata i…

Via il tumore alla pros…

Presentati a Camposampiero due i…

[caption id="attachment_3…

Fluoro: un metodo innovativo per…

Il fluoro e' ampiame…

il centro Nerviano Medical Scien…

[caption id="attachment_6…

Biomarcatori e rischi cardiovasc…

[caption id="attachment_1…

Chiesi è la prima a sottomettere…

Innovazione italiana  nel…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

FDA pone il suo OK sul test rapido che rileva infezioni nel sangue

La Food and drug administration (Fda), l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione in materia di salute, ha autorizzato la vendita del primo test in grado di identificare nel giro di poche ore 12 diversi tipi di batteri, responsabili di infezioni nel flusso sanguigno. I metodi tradizionali consentono attualmente di avere tali risultati in non meno di 2-4 giorni. La notizia e’ riportata sul sito dello stesso ente.
Questo nuovo esame permette l’identificazione simultanea dei batteri e di tre geni associati alla resistenza ai farmaci in poche ore. I batteri identificabili sono lo staffilococco, lo streptococco, l’enterococco (incluso quello resistente alla vancomicina) e la listeria.

‘Le infezioni del flusso sanguigno sono sempre trattate con farmaci antimicrobici – spiega Alberto Gutierrez dell’Fda – ed e’ essenziale identificare quello appropriato per il paziente specifico il piu’ velocemente possibile. Questo nuovo test aiutera’ i medici a curare velocemente i pazienti con l’antibiotico giusto’.
Le infezioni del flusso sanguigno sono responsabili di gravi malattie e infezioni al cuore, ai reni e altri organi vitali.
Senza terapia, possono avere gravi conseguenze, anche letali.
L’Fda ha dato il suo via libera al test sulla base di uno studio che ha analizzato i campioni di sangue di 1642 pazienti e nel quale il test e’ stato messo a confronto con altre metodiche di laboratorio tradizionali. I risultati, e’ emerso dallo studio, sono stati coerenti in 93 casi su 100.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi