Imaging cerebrale per predire il…

L'imaging cerebrale potre…

Distruggere i tumori senza anest…

[caption id="attachment_1…

[Telethon]Cocktail di farmaci ef…

[caption id="attachment_7…

Cardiopatie: studi su come riatt…

[caption id="attachment_5…

Nefropatia diabetica: un gene in…

Silenziando o inibendo l’…

Le cellule "assassine" che posso…

Grazie a una nuova ricerc…

Staminali pluripotenti: non poss…

[caption id="attachment_7…

Mappato il genoma di un feto dal…

[caption id="attachment_1…

[IIT] HyQ scavalca gli ostacoli …

HyQ, il robot quadruped…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Occhi a rischio disidratazione: i rischi per la nostra salute d’estate

In estate a mettere a rischio la salute degli occhi non è solo la luce molto intensa, ma anche la disidratazione. Ad avvertire dei rischi della mancanza di acqua per gli occhi è Ciro Tamburrelli, direttore dell’Ospedale Oftalmico di Roma. Particolarmente a rischio, spiega l’esperto, sono gli anziani e chi soffre di miopia. “In estate poi – spiega l’esperto – c’è una maggiore esposizione all’aria condizionata, con conseguente senso di fastidio e di presenza di un corpo estraneo nell’occhio, stiamo magari al pc con i condizionatori accesi, oppure in macchina e tutto ciò può in qualche caso portare a sviluppare delle congiuntiviti”.

Il sintomo più evidente della disidratazione sono le cosiddette miodesopsie: la vista è disturbata da piccole macchie scure, simili a moscerini, che compaiono nel campo visivo. Se non si agisce in tempo le conseguenze possono essere molto gravi, dal distacco del corpo vitreo – una massa gelatinosa presente nell’occhio e che svolge anche una funzione protettiva – a quello, ancora più grave, della retina.

Correre ai ripari è piuttosto semplice. Basta, infatti, bere molta acqua e arricchire l’alimentazione di frutta, verdura e insalate. Per proteggersi, invece, dall’azione diretta dei raggi del sole bisogna scegliere occhiali con lenti scure di buona qualità, indispensabili soprattutto per quei bambini che in estate soffrono di congiuntiviti causate dai raggi ultravioletti. “Se poi – conclude Tamburrelli – il bimbo dopo il bagno al mare tende a stropicciarsi di frequente gli occhi per alleviare il fastidio si possono acquistare prodotti da banco leggeri come le lacrime artificiali. Nel caso in cui invece la secrezione dovesse persistere è bene rivolgersi a un oculista”.
(Il Sole – Salute)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi