Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome mielodisplastica (MDS) dipende da anomalie staminali

Dietro una rara malattia del sangue nota come sindrome mielodisplastica (Mds) ci sarebbero alcune cellule staminali anormali che si attivano lo sviluppo e la progressione della malattia. A rivelarlo, una ricerca pubblicata sulla rivista “Blood”, del gruppo di ricercatori di Amit Verma, associato di Medicina e biologia dello sviluppo e molecolare presso l’Albert Einstein College di New York.
Il team statunitense ritiene di aver scoperto perche’ la malattia si ripresenta anche dopo trattamento: gli studiosi hanno spiegato che anche dopo il trattamento standard di Mds, le cellule staminali anomali persistono nel midollo osseo.


Cosi’, anche se la malattia puo’ sembrare in remissione, le cellule staminali non muoiono e la patologia inevitabilmente ritorna. Quindi c’e’ bisogno di spazzare via le cellule staminali anomale al fine di migliorare i tassi di guarigione. In particolare, un gene chiamato Stat3 e’ risultato presente a livelli elevati nelle cellule staminali dei pazienti con questa malattia, e probabilmente sara’ questo gene l’obiettivo di ulteriori indagini.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!