L'errato ripiegamento proteico: …

Il ripiegamento delle pro…

Come si adatta il cervello allo …

Come si adatta il cervell…

HIV: la genetica potrebbe offrir…

[caption id="attachment_8…

I rischi di trasmissione cancro …

[caption id="attachme…

Gravidanza breve se preceduta da…

La durata di una gravida…

Tumore del colon: sospetti su ju…

Uno studio scozzese ind…

Test salivare HIV rapido: arriva…

All’ospedale torinese è p…

MALATTIE DEL CAVO ORALE: UN PATT…

La posizione della Federa…

Donazione e conservazione cordon…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aids: farmaco “con modifica”, efficace fino a 100 volte in più

Con una piccola modifica un farmaco in studio per la lotta all’Hiv diventa 100 volte piu’ efficace.
Lo ha dimostrato uno studio del Politecnico di Monaco e dell’Universita’ di Napoli pubblicato dalla rivista Angewandte Chemie International Edition. Differenti ceppi del virus Hiv possono usare due diversi recettori, chiamati Ccr5 e Cxcr4 per entrare nelle cellule del sistema immunitario. I farmaci in uso fino a questo momento bloccano pero’ solo l’entrata dei primi, mentre nessuno e’ in sperimentazione per i secondi.


I ricercatori hanno preso un peptide sintetico, piccola proteina realizzata in laboratorio gia’ conosciuta per le sue proprieta’ anti-Hiv, modificandola chimicamente in modo tale da ‘congelare’ una conformazione particolarmente favorevole. Il peptide modificato ha mostrato un’affinita’ per i recettori Cxcr4 da 400 a 1500 volte maggiore di tutti i farmaci gia’ conosciuti: “Siamo molto contenti per questo risultato – spiegano gli autori della ricerca, tra cui Luciana Marinelli e Sandro Cosconati dell’ateneo partenopeo – e ora non vediamo l’ora di passare ai test preclinici e clinici”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi