Alcol: sistema immunitario indeb…

[caption id="attachme…

Il veleno delle api veicolato di…

[caption id="attachme…

Ictus: anche quelli di lieve ent…

Anche se apparentemente p…

Nuove varianti genetiche causano…

Ricercatori provenienti d…

Baylor College of Medicine ha ac…

SILICON BIOSYSTEMS ANNU…

[3.SIN] Novità sulle terapie nel…

Prof. Giancarlo Comi – Pa…

Disturbi renali: è anche la velo…

La bassa velocita' d…

Ipertensione resistente: la diag…

Un'accurata valutazione d…

Ossigeno iniettabile liquido: ri…

Esperimenti sui conigli h…

Le proteine legate a malattie ce…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiologia: con uno scanner si possono prevenire cure e diagnosi particolarmente invasive

Un nuovo test diagnostico e’ in grado di distinguere velocemente se una persona con un dolore al petto ha bisogno o no di una procedura invasiva come un’angioplastica o un bypass. Lo ha confermato uno studio presentato al meeting della European Society of Cardiology in corso a Monaco. Lo studio e’ stato effettuato su 381 pazienti in 16 ospedali nel mondo, ed e’ rivolto alle persone che non hanno un attacco di cuore in corso ma che comunque vengono mandate di solito a fare un’angiografia, che prevede l’introduzione di un catetere nelle coronarie per verificare un’eventuale occlusione.


Lo studio ha confrontato l’utilizzo di uno scanner per tomografia assiale computerizzata di nuova generazione con l’angiografia, e ha dimostrato che il primo e’ efficace nell’individuare quel 30 per cento di pazienti che non ha bisogno di procedure invasive: “Molti pazienti sottoposti ad angioplastica non ne hanno bisogno – spiega Richard George della Johns Hopkins University – vogliamo avere una misura sicura per distinguerli”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!