Dengue: zanzare modificate per c…

Scienziati australiani ha…

Polmonite: l'uomo più a rischio …

Basta prendere in giro gl…

La proteina a guardia dell'integ…

Una nuova ricerca ha chia…

Febbre tifoidea: ottimi risultat…

Sono positivi i risultati…

Quale influenza hanno avuto le i…

Centomila anni fa la popo…

IL RUOLO DELLA AUTOIMMUNITÀ TIRO…

Kris Poppe*, Brigitte V…

CCSVI: nasce l’Associazione Nazi…

VENERDI’ 9 APRILE 2010: L…

Scoperta la molecola della buona…

La voglia di fare, la mot…

Cellule staminali ringiovanite p…

[caption id="attachme…

Ipertensione: se il sonno è dis…

Un anziano che soffre di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Creato tessuto artificiale con all’interno sensori biocompatibili.

Per la prima volta un team di ricercatori guidato dal Children Hospital di Boston e’ riuscito a creare un tessuto formato a partire da cellule coltivate con all’interno dei sensori biocompatibili. La scoperta, descritta su ‘Nature Materials’, servira’ per tessuti artificiali con un ‘sistema nervoso’, oltre che per lo screening di nuovi farmaci.
Una delle difficolta’ principali nel creare tessuti bioingegnerizzati, spiegano gli autori, e’ creare un sistema in grado di misurare ‘cosa succede’ all’interno delle cellule, oltre che a produrre determinati stimoli: “Nel corpo c’e’ un sistema nervoso autonomo che registra fattori come il pH, il livello di ossigeno e altre sostanze chimiche e stimola risposte quando e’ necessario – scrivono – dobbiamo riuscire ad imitare questo sistema anche nei tessuti artificiali”.


I ricercatori hanno realizzato un network di nanosensori di circa 80 milionesimi di millimetro in una conformazione reticolare simile a un bastoncino di cotone, abbastanza poroso da permettere la crescita tridimensionale di cellule. Nei tessuti risultanti e’ stato possibile misurare i segnali elettrici indotti dai sensori e anche stimolare alcune funzioni.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!