Chemioterapie: Menarini sperimen…

Nuova terapia piu' effica…

Fumo passivo: compromette il neu…

I neonati esposti alla ni…

L'estate è la stagione della fer…

E' l'estate il periodo …

E' italiano il collirio anti-gla…

[caption id="attachment_2…

Autismo e smog: studiato il ness…

Le donne esposte ad alti …

Cellule staminali: a decidere la…

Su circa 100 molecole stu…

Tumore alla vescica: quando è la…

Nuove tecniche di diagnos…

Dietro la retina dei nostri occh…

Nei nostri occhi brilla u…

Regimi terapeutici con telaprevi…

Regimi terapeutici con te…

Testosterone: un crollo dei live…

- Gli uomini subito dopo …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

EPO: utilizzo a lungo termine e danni al midollo osseo

“L’uso terapeutico dell’eritropoietina (Epo) è ben noto nell’insufficienza renale cronica, nella terapia dell’Hiv e nella chemioterapia antitumorale per superare l’anemia associata a queste patologie – spiega Umberto Tirelli, direttore del dipartimento di oncologia medica dell’Istituto Tumori di Aviano -. Inoltre l’Epo è impiegata in certe forme tumorali e pretumorali ematologiche. Per la mia esperienza di onco-ematologo e di terapia dell’Hiv, questo farmaco è solitamente ben tollerato anche se ipertensione arteriosa, fenomeni tromboembolici e dolori ossei sono complicazioni piuttosto frequenti”.


“Pur non disponendo degli ultimi dati pubblicati sull’utilizzo non approvato del doping – conclude lo studioso – sappiamo che alcuni decessi di ciclisti e altri atleti sono stati messi in relazione con l’eritropoietina. Questo anche perché, a lungo termine, non si può escludere che un utilizzo dell’Epo possa provocare, sia per i malati che per gli atleti che ne fanno uso in modo abusivo, danni al midollo osseo e anche tumori ematologici”.
http://salute24.ilsole24ore.com/

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi