Sindrome post orgasmica: possibi…

Conosciuta con l'acronim…

Longevità: sono i telomeri a det…

Una  ricerca sul diamante…

Tumori: possibili soluzione tram…

Terapie innovative contro…

Legame Ischemia-Alzheimer: descr…

La ricerca, che permetter…

AIRC: scoperto nuovo gene che fr…

Uno studio su Cell dimost…

Pediatria: destrosio utile contr…

Una soluzione economica e…

I pediatri SIPPS: lo yoga, buon …

Roma, 31 gennaio 2013 –…

Dolore cronico: scoperte due mol…

Un gruppo di ricercatori …

Naso umano: conosce circa un tri…

L'olfatto dell'uomo è mol…

Parkinson: impiantato prima sist…

E' stato effettuato in …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

EPO: utilizzo a lungo termine e danni al midollo osseo

“L’uso terapeutico dell’eritropoietina (Epo) è ben noto nell’insufficienza renale cronica, nella terapia dell’Hiv e nella chemioterapia antitumorale per superare l’anemia associata a queste patologie – spiega Umberto Tirelli, direttore del dipartimento di oncologia medica dell’Istituto Tumori di Aviano -. Inoltre l’Epo è impiegata in certe forme tumorali e pretumorali ematologiche. Per la mia esperienza di onco-ematologo e di terapia dell’Hiv, questo farmaco è solitamente ben tollerato anche se ipertensione arteriosa, fenomeni tromboembolici e dolori ossei sono complicazioni piuttosto frequenti”.


“Pur non disponendo degli ultimi dati pubblicati sull’utilizzo non approvato del doping – conclude lo studioso – sappiamo che alcuni decessi di ciclisti e altri atleti sono stati messi in relazione con l’eritropoietina. Questo anche perché, a lungo termine, non si può escludere che un utilizzo dell’Epo possa provocare, sia per i malati che per gli atleti che ne fanno uso in modo abusivo, danni al midollo osseo e anche tumori ematologici”.
http://salute24.ilsole24ore.com/

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x