H1N1: la mutazione che rende il …

La sostituzione di un'occ…

Dai pipistrelli, oltre alla cont…

I pipistrelli possono for…

Prolasso pelvico: due tecniche c…

Un nuovo studio del Nati…

Pancreas artificiale: contro il …

Medicina 'rigenerativa' n…

BPCO: arricchire le conoscenze p…

Milano, 17 settembre 2013…

Progetto 'Blue Brain': il 2030 s…

[caption id="attachment_7…

Cellule staminali contro la Scle…

La sclerosi laterale …

Tumore ovarico: nuovo trattamen…

[caption id="attachment_6…

Salmonella ipervirulenta: dagli …

Individuato un metodo per…

Cellule staminali ringiovanite i…

Un team del Centro nazion…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: aerobica e pesi, ecco come riduce il rischio

Secondo uno studio dell’Harvard School of Public Health e dell’Università della Danimarca pubblicato su Archives of Internal Medicine allenarsi regolarmente con i pesi riduce il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Se, poi, all’allenamento per imuscoli si abbina il movimento aerobico, il pericolo scende ulteriormente.


Lo studio è stato condotto esaminando gli effetti dei pesi e dell’allenamento aerobico su oltre 32.000 uomini scoprendo che, per quanto riguarda i pesi, svolgere ogni settimana allenamenti di 30-60 minuti, di 60-150 minuti e, infine, di almeno 150 minuti, riduce il rischio di comparsa del diabete rispettivamente del 12%, 25% e 34%. Se si pratica solo attività aerobica con le stesse tre fasce di allenamento, invece, il rischio si riduce rispettivamente al 7%, 31% e 52%. Infine, combinando 150 minuti a settimana di allenamento con i pesi ad altri 150 minuti settimanali di esercizio aerobico, hanno calcolato i ricercatori, il rischio scende al 59%. I risultati valgono, per adesso, solo per gli uomini: gli effetti sulle donne, non incluse nell’indagine, sono infatti ancora da indagare.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x