Malattie cardiovascolari prima c…

[caption id="attachment_8…

Sordita': danno ossidativo causa…

La perdita dell'udito che…

Favismo: ricerca Telethon trova …

Un sorprendente link gene…

L'epilessia non è una malattia p…

35° Congresso LICE – Lega…

Calcoli renali: abuso di bevande…

Bere bibite gassate e…

#Gyneconetmeeting: Quello che le…

Auditorium Fidia Farmaceu…

Progesterone in gel: rischio di …

I risultati di uno studio…

"Stum", il gene che ci regala la…

Il suo nome viene da "stu…

Tumori: la caffeina alleata dell…

Le creme solari del futur…

FIMP - Dermatite atopica in età …

La FIMP: “C’è bisogno di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: aerobica e pesi, ecco come riduce il rischio

Secondo uno studio dell’Harvard School of Public Health e dell’Università della Danimarca pubblicato su Archives of Internal Medicine allenarsi regolarmente con i pesi riduce il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Se, poi, all’allenamento per imuscoli si abbina il movimento aerobico, il pericolo scende ulteriormente.


Lo studio è stato condotto esaminando gli effetti dei pesi e dell’allenamento aerobico su oltre 32.000 uomini scoprendo che, per quanto riguarda i pesi, svolgere ogni settimana allenamenti di 30-60 minuti, di 60-150 minuti e, infine, di almeno 150 minuti, riduce il rischio di comparsa del diabete rispettivamente del 12%, 25% e 34%. Se si pratica solo attività aerobica con le stesse tre fasce di allenamento, invece, il rischio si riduce rispettivamente al 7%, 31% e 52%. Infine, combinando 150 minuti a settimana di allenamento con i pesi ad altri 150 minuti settimanali di esercizio aerobico, hanno calcolato i ricercatori, il rischio scende al 59%. I risultati valgono, per adesso, solo per gli uomini: gli effetti sulle donne, non incluse nell’indagine, sono infatti ancora da indagare.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x