Meningite: funziona la dose di r…

Uno studio sul vaccino 4C…

Demenza: confermato il legame co…

La carenza di vitamina D …

Per recuperare l'udito, cellule …

[caption id="attachment_7…

Leucemia in fase avanzata: nuovo…

In occasione di uno de…

Ictus ischemico a tre anni: inte…

A tre anni e mezzo e' st…

Studio rivela come attivita' cer…

[caption id="attachment_5…

“Mettici la Faccia”: disegna il …

Al via il concorso dell’I…

Malattie coronariche: diagnosi m…

La risonanza magnetica pe…

Gli zuccheri e il ruolo chiave c…

La gastroenterite batteri…

Quando l'aterosclerosi provoca m…

Un nuovo studio pubblicat…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: aerobica e pesi, ecco come riduce il rischio

Secondo uno studio dell’Harvard School of Public Health e dell’Università della Danimarca pubblicato su Archives of Internal Medicine allenarsi regolarmente con i pesi riduce il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Se, poi, all’allenamento per imuscoli si abbina il movimento aerobico, il pericolo scende ulteriormente.


Lo studio è stato condotto esaminando gli effetti dei pesi e dell’allenamento aerobico su oltre 32.000 uomini scoprendo che, per quanto riguarda i pesi, svolgere ogni settimana allenamenti di 30-60 minuti, di 60-150 minuti e, infine, di almeno 150 minuti, riduce il rischio di comparsa del diabete rispettivamente del 12%, 25% e 34%. Se si pratica solo attività aerobica con le stesse tre fasce di allenamento, invece, il rischio si riduce rispettivamente al 7%, 31% e 52%. Infine, combinando 150 minuti a settimana di allenamento con i pesi ad altri 150 minuti settimanali di esercizio aerobico, hanno calcolato i ricercatori, il rischio scende al 59%. I risultati valgono, per adesso, solo per gli uomini: gli effetti sulle donne, non incluse nell’indagine, sono infatti ancora da indagare.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi