Johnson & Jonhson annuncia un ac…

NEW BRUNSWICK, 28 gennaio…

La cattiva alimentazione tra le …

Aumentano in Italia i cas…

Tumori del sangue: tre geni deci…

TP53, RUNX1 e ASXL1 son…

Trapianto capelli: nuova tecnica…

Nuove frontiere per comba…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Tumori: dalla metformina, per cu…

E' pubblicato su Nature C…

Ricostruita con le staminali una…

Chirurghi svedesi dell'Un…

Infarto: cure farmacologiche eff…

Dopo un attacco di cuore…

Nuovo sensore per il monitoraggi…

Roma, 17 maggio 2011 – Di…

Ictus: decimarne l'incidenza con…

Alla normale attività di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: aerobica e pesi, ecco come riduce il rischio

Secondo uno studio dell’Harvard School of Public Health e dell’Università della Danimarca pubblicato su Archives of Internal Medicine allenarsi regolarmente con i pesi riduce il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Se, poi, all’allenamento per imuscoli si abbina il movimento aerobico, il pericolo scende ulteriormente.


Lo studio è stato condotto esaminando gli effetti dei pesi e dell’allenamento aerobico su oltre 32.000 uomini scoprendo che, per quanto riguarda i pesi, svolgere ogni settimana allenamenti di 30-60 minuti, di 60-150 minuti e, infine, di almeno 150 minuti, riduce il rischio di comparsa del diabete rispettivamente del 12%, 25% e 34%. Se si pratica solo attività aerobica con le stesse tre fasce di allenamento, invece, il rischio si riduce rispettivamente al 7%, 31% e 52%. Infine, combinando 150 minuti a settimana di allenamento con i pesi ad altri 150 minuti settimanali di esercizio aerobico, hanno calcolato i ricercatori, il rischio scende al 59%. I risultati valgono, per adesso, solo per gli uomini: gli effetti sulle donne, non incluse nell’indagine, sono infatti ancora da indagare.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi