Melone amaro: 'in vitro' l'estra…

[caption id="attachment_6…

Cancro al seno: diagnosi sofisti…

Nonostante l'impegno note…

Leucemia mieloide cronica: terap…

E’ una proteina la respon…

Scoperto un sotto-codice genetic…

[caption id="attachment_7…

Micro RNA e le nuove terapie per…

Farmaci a base di micro-R…

Antibiotici contro malaria funzi…

[caption id="attachment_8…

Obesità favorita dalle alterazio…

Un'attività biochimica al…

Ossido di azoto, NO sintasi e re…

[caption id="attachment_2…

Creata prima retina da cellule s…

[caption id="attachment_7…

Tumori polmonari: il CNR identif…

Confermato il ruolo del g…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

“Foto” del cervello svelano con estrema precisione l’età del “possessore”. Anche in aspetto giovanile

E’ fra i complimenti più ambiti da donne e uomini: sentirsi dire che il nostro aspetto non tradisce l’età è sempre piacevole. Ma se l’estetica può ingannare chi ci osserva, lo stesso non vale per il nostro cervello. E’ quanto emerge da uno studio che appare sulla rivista ‘Current Biology’, a firma di esperti dell’università della California a San Diego, che mostra come, attraverso sofisticate scansioni cerebrali, sia possibile prevedere con precisione l’età di una persona.
“Abbiamo scoperto una sorta di ‘orologio dello sviluppo’ del cervello, una ‘firma biologica’ della maturazione di questo organo che ‘fotografa’ precisamente l’età di una persona, a prescindere da altri tipi di differenze che esistono tra gli individui”, spiega Timothy Brown, autore della ricerca. Insieme a colleghi di altre nove università americane, Brown ha utilizzato la risonanza magnetica per esaminare i cervelli di 885 persone di età compresa tra 3 e 20 anni.

Le scansioni cerebrali sono state utilizzate per identificare 231 biomarcatori di anatomia del cervello che, combinati, possono identificare l’età di un individuo con più del 92% di precisione. Un risultato che va al di là di ciò che è stato possibile ottenere con qualsiasi altra misura biologica, dicono i ricercatori. “Il fatto che abbiamo trovato un insieme di misure cerebrali che catturano l’età anagrafica di una persona così accuratamente – spiegano gli esperti – significa che lo sviluppo del cervello, o almeno di alcuni aspetti anatomici di esso, è più controllato di quanto pensassimo”. E questo potrà aiutare in futuro a scovare precocemente anomalie e a poterle trattare.(ADNKRONOS)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi