Innovazione in campo nutrizional…

Il test genetico e l’inte…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Il Consiglio di Stato conferma c…

Roma, 11 marzo 2013 - “Fa…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

In gravidanza sono i batteri “cattivi” ad aiutare a supportare il metabolismo del feto che cresce

Durante la gravidanza la popolazione dei batteri dell’intestino cambia profondamente per aiutare il metabolismo della mamma a supportare quello del feto che cresce. Lo ha scoperto uno studio pubblicato dalla rivista ‘Cell’, secondo cui prevalgono microrganismi che normalmente sarebbero poco salutari. Per scoprire come varia la composizione dei batteri i ricercatori della Cornell University hanno analizzato campioni di feci di 91 donne in gravidanza, scoprendo che i cambiamenti iniziano gia’ dal primo trimestre, e aumentano fino alla fine della gravidanza.


I batteri che aiutano la salute diminuiscono in numero, mentre aumentano quelli che normalmente portano a infiammazione e aumento di peso. I microrganismi delle donne in gravidanza sono stati trasferiti in cavie in salute, dove hanno provocato diversi effetti avversi, a cominciare dal peggioramento del metabolismo del glucosio: “Durante la gravidanza questi cambiamenti metabolici sono salutari, perche’ promuovono l’immagazzinamento dell’energia nei tessuti grassi e aiutano a supportare lo sviluppo del feto – concludono gli autori – mentre al di fuori possono causare diabete di tipo 2 e altri problemi di salute” .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!