Di nuove liberalizzazioni il ser…

  Roma, 6 febbraio 201…

FIMP - Dermatite atopica in età …

La FIMP: “C’è bisogno di …

Cellule staminali: al via test c…

Cellule embrionali ai 'na…

Un primo bilancio della campagna…

 AssoGenerici e Federanzi…

Federfarma sollecita a rivedere …

Per venire incontro a…

Ecografo tascabile VScan: nuovo …

Arriva in Italia e Spagna…

Cancro e mRNA: cambiamento di ro…

[caption id="attachme…

Atrofia muscolare spinale: farma…

Un nuovo farmaco promette…

Medicina preventiva sulla base d…

[caption id="attachment_7…

Cervello: nessuna differenza tra…

Dimenticate la teoria sec…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: declino cognitivo più feroce se colpisce …giovani anziani

L’Alzheimer ha i suoi sintomi peggiori quando si sviluppa fra persone che sono tra i 60 e i 70 anni, eta’ in cui la perdita di tessuto cerebrale e di declino cognitivo e’ piu’ veloce rispetto agli 80 anni. La ricerca, riportata su ‘PLOS One’, proviene dalla University of San Diego. Attualmente, si stima che l’Alzheimer colpisca 5,6 milioni di americani, un numero che arrivera’ al triplo entro il 2050. Gli scienziati hanno usato i dati provenienti dal Alzheimer’s Disease Neuroimaging Initiative: 723 pazienti fra i 65 e i 90 anni che avevano varie forme di peggioramento delle capacita’ cognitive, dalle piu’ lievi all’Alzheimer pieno.


“Abbiamo scoperto che quelli con eta’ minore mostravano una velocita’ maggiore nel declino cognitivo e nella perdita del tessuto cerebrale”, ha spiegato Dominic Holland, che ha condotto la ricerca, “inoltre il biomarcatore del fluido cerebrospinale mostrava maggiori livelli della malattia in quelli piu’ giovani”. Gli studiosi hanno anche scoperto che, tuttavia, chi sopravvive ai primi anni piu’ aggressivi dell’Alzheimer manifesta, in seguito, una forma meno violenta della malattia .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi