Depressione post partum: una mol…

[caption id="attachment_8…

Svizzera, primo intervento al ce…

[caption id="attachment_1…

Frenare il fenomeno di autofagia

Lo stress si ripercuote s…

I sulfamidici potrebbero tornare…

I principali effetti …

Sudorazione eccessiva: chirurgia…

Palmi madidi di sudore o …

L'interruttore di crescita cellu…

[caption id="attachment_7…

Fecondazione assistita: “Serve n…

L’appello della SIFES dal…

Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Iperparatiroidismo: condizione c…

Una dieta povera di calci…

“Pari e dispari – l’officina dei…

A Camerota, in provincia …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: declino cognitivo più feroce se colpisce …giovani anziani

L’Alzheimer ha i suoi sintomi peggiori quando si sviluppa fra persone che sono tra i 60 e i 70 anni, eta’ in cui la perdita di tessuto cerebrale e di declino cognitivo e’ piu’ veloce rispetto agli 80 anni. La ricerca, riportata su ‘PLOS One’, proviene dalla University of San Diego. Attualmente, si stima che l’Alzheimer colpisca 5,6 milioni di americani, un numero che arrivera’ al triplo entro il 2050. Gli scienziati hanno usato i dati provenienti dal Alzheimer’s Disease Neuroimaging Initiative: 723 pazienti fra i 65 e i 90 anni che avevano varie forme di peggioramento delle capacita’ cognitive, dalle piu’ lievi all’Alzheimer pieno.


“Abbiamo scoperto che quelli con eta’ minore mostravano una velocita’ maggiore nel declino cognitivo e nella perdita del tessuto cerebrale”, ha spiegato Dominic Holland, che ha condotto la ricerca, “inoltre il biomarcatore del fluido cerebrospinale mostrava maggiori livelli della malattia in quelli piu’ giovani”. Gli studiosi hanno anche scoperto che, tuttavia, chi sopravvive ai primi anni piu’ aggressivi dell’Alzheimer manifesta, in seguito, una forma meno violenta della malattia .

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x