Epilessia: al via il primo conco…

Si può partecipare fino a…

Zucchero: contro obesità in GB s…

Il governo britannico gui…

Moduli a DNA per lo storage dei …

Nuovi progressi nello sfr…

Dolore: al via IMPACT 2013. Legg…

Nodi problematici ancora …

Diabete Tipo 2: parere positivo …

Parere positivo per empag…

Scoperto superanticorpo, che avv…

Si chiama CR9114 ed è sta…

Epatite C: studi dimostrano l'ef…

Pillole in grado di tratt…

Il gene "miR-96" e la perdita pr…

[caption id="attachment_5…

Aviaria: è più infettiva, ma men…

Una nuova metanalisi rico…

[AME]Obesita' ed alterazioni end…

A cura del Dottor Raffael…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Mutazioni genetiche numerosi se numerosi sono gli anni del padre

I padri piu’ anziani tendono a trasmettere ai figli piu’ mutazioni genetiche rispetto ai piu’ giovani. Lo ha scoperto uno studio pubblicato su ‘Nature’, secondo cui questo si riflette in un aumento di alcune malattie come l’autismo. I ricercatori dell’istituto DeCODE genetics di Reykjavik hanno esaminato il Dna di 78 coppie di eta’ diverse e dei loro figli, scoprendo che all’aumentare dell’eta’ del padre aumenta il numero di mutazioni trasmesse, al ritmo di due l’anno. Un padre di 20 anni trasferisce circa 25 mutazioni, mentre uno di 40 arriva a 65.


Queste modifiche del Dna, scrivono gli autori, potrebbero essere legate all’aumento dei casi di autismo che si e’ visto negli ultimi anni, oltre che ad altri problemi del sistema nervoso come la schizofrenia: “Se questo effetto verra’ confermato da studi piu’ ampi – scrive Alexey Kondrashov della Michigan University in un articolo di accompagnamento sempre su Nature – potrebbe essere una scelta saggia conservare lo sperma quando si e’ giovani per usarlo poi piu’ avanti”. (AGI) .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi