"Cervello morale", influenzato d…

Il 'cervello morale' esis…

HIV: terapia genica che imita i …

[caption id="attachme…

[IRCCS E. Medea] Per traumi clin…

A Pieve di Soligo sperime…

Studio MIMOSA: deluse le aspetta…

[caption id="attachme…

Le cellule del corpo umano: come…

[caption id="attachme…

Alzheimer: un nuova definizione

[caption id="attachment_9…

Cancro alla prostata: l'anticorp…

[caption id="attachme…

Cellule staminali contro gravi l…

Lanciata in Cina con succ…

Un gene causa la fragilità ossea

C'e' un gene fra le cause…

Tumori: dodici consigli per ridu…

Dallo stop al fumo al…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Obesità: in un futuro prossimo saranno antibiotici e vaccini a curarla

Vaccini e antibiotici, che incidono sui rapporti fra sistema immunitario, batteri intestinali e digestione, potrebbero un giorno essere efficaci come la chirurgia bariatrica nella lotta all’obesita’. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista ‘Nature Immunology’ a opera di alcuni scienziati della University of Chicago. I ricercatori hanno mostrato che l’aumento ponderale non dipende solo da un eccesso di calorie ma anche dal delicato, e modificabile, equilibrio fra l’azione dei batteri intestinali e quella del sistema immunitario. “Cambiamenti nella flora batteria intestinale possono migliorare o peggiorare l’efficienza della digestione”, ha spiegato Yang-Xin Fu, che ha condotto lo studio. I ricercatori hanno studiato l’aumento di peso in due gruppi di topolini sottoposti a una dieta ad alto contenuto di grassi: nel primo gli animali erano normali, mentre nel secondo i topolini avevano un difetto genetico che non gli faceva produrre la limfotossina, proteina che regola le interazioni fra sistema immunitario e batteri intestinali.


Dopo nove settimane, e mangiando lo stesso cibo, i topi ‘normali’ avevano aumentato il proprio peso di circa un terzo, mentre quelli con il difetto genetico non avevano guadagnato peso. I topolini normali mostravano un sostanziale aumento del batterio Erysopelotrichi, gia’ associato a obesita’ e relativi problemi di salute. Nell’altro gruppo di topi, invece, il sistema immunitario non aveva permesso a questo batterio di svilupparsi e diffondersi, evitando cosi’ l’aumento di peso. “I nostri risultati suggeriscono che un giorno, agendo tramite vaccini o antibiotici, potremmo regolare la presenza dei batteri intestinali in modo da prevenire le malattie associate con l’obesita'”, ha concluso Fu.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi