Tumori: provocati uno su 40 da e…

In almeno un caso su 40 i…

Le sigarette veicolano ceppi bat…

Le sigarette sono "ampiam…

Tumore ovarico, i poteri di miR-…

Nei casi di tumore ovaric…

Lipoproteina: si aggiunge alla l…

[caption id="attachment_6…

Trapianto di polmone da donatore…

Primo trapianto in Italia…

Il melanoma diagnosticato con un…

[caption id="attachment_9…

L'Alzheimer, si "tramanda" da ne…

Le proteine 'tossiche' al…

Visite ai malati non-stop e repa…

  Oltre a curare al megli…

Un gene alla regia del vivere sa…

[caption id="attachment_5…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Obesità: in un futuro prossimo saranno antibiotici e vaccini a curarla

Vaccini e antibiotici, che incidono sui rapporti fra sistema immunitario, batteri intestinali e digestione, potrebbero un giorno essere efficaci come la chirurgia bariatrica nella lotta all’obesita’. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista ‘Nature Immunology’ a opera di alcuni scienziati della University of Chicago. I ricercatori hanno mostrato che l’aumento ponderale non dipende solo da un eccesso di calorie ma anche dal delicato, e modificabile, equilibrio fra l’azione dei batteri intestinali e quella del sistema immunitario. “Cambiamenti nella flora batteria intestinale possono migliorare o peggiorare l’efficienza della digestione”, ha spiegato Yang-Xin Fu, che ha condotto lo studio. I ricercatori hanno studiato l’aumento di peso in due gruppi di topolini sottoposti a una dieta ad alto contenuto di grassi: nel primo gli animali erano normali, mentre nel secondo i topolini avevano un difetto genetico che non gli faceva produrre la limfotossina, proteina che regola le interazioni fra sistema immunitario e batteri intestinali.


Dopo nove settimane, e mangiando lo stesso cibo, i topi ‘normali’ avevano aumentato il proprio peso di circa un terzo, mentre quelli con il difetto genetico non avevano guadagnato peso. I topolini normali mostravano un sostanziale aumento del batterio Erysopelotrichi, gia’ associato a obesita’ e relativi problemi di salute. Nell’altro gruppo di topi, invece, il sistema immunitario non aveva permesso a questo batterio di svilupparsi e diffondersi, evitando cosi’ l’aumento di peso. “I nostri risultati suggeriscono che un giorno, agendo tramite vaccini o antibiotici, potremmo regolare la presenza dei batteri intestinali in modo da prevenire le malattie associate con l’obesita'”, ha concluso Fu.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!