Morbo di Parkinson: nuova cura c…

Una nuova terapia, che si…

L’FDA approva un nuovo farmaco b…

La Food and Drug Administ…

Caffè come salva vista

Un caffè al giorno toglie…

In Calabria parte il progetto sp…

Soverato, 24 giugno 2011 …

Alzheimer: una risonanza potrebb…

Con una risonanza al cerv…

Agenesia del pancreas: ricerca h…

Un team internazionale di…

Diabete: nuovo farmaco preserva …

Un nuovo farmaco promette…

Alzheimer: scoperto un anticorpo…

Un nuovo studio pubblicat…

Il tumore al seno: l'efficienza …

[caption id="attachment_6…

Glioblastoma: probabile causa ce…

Il glioblastoma multiform…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

“Pillolo” per lui: test sempre più promettenti i risultati sui topi. Ma è una realtà che si avvicina

Per ora rimane un obiettivo sfuggente, ma presto la pillola contraccettiva maschile potrebbe davvero diventare realtà: i risultati di un nuovo studio su ‘Cell’ dimostrano che gli scienziati del Dana-Farber Cancer Institute e del Baylor College of Medicine (Usa) stanno andando nella giusta direzione per rendere il controllo delle nascite per via orale una responsabilità non più a esclusivo appannaggio di ‘lei’, ma anche di ‘lui’.
I ricercatori spiegano di aver messo a punto e testato un composto di piccole molecole con funzione contraccettiva reversibile nei topi maschi.

Il composto, chiamato JQ1, penetra attraverso il tessuto sanguigno del testicolo e arriva a interrompere la spermatogenesi, il processo attraverso il quale si sviluppano spermatozoi maturi. Il risultato è una diminuzione del numero e della qualità degli spermatozoi.

Lo studio ha dimostrato che la produzione di spermatozoi normali riprende quando la terapia con JQ1 viene interrotta e che il composto non influenza la produzione di testosterone, il comportamento sessuale o la salute della prole concepita dopo l’uso del farmaco. “I nostri risultati dimostrano che, quando somministrato ai roditori, questo composto produce una diminuzione rapida e reversibile della conta e della mobilità degli spermatozoi con profondi effetti sulla fertilità”, sottolinea James Bradner, autore senior della ricerca.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi