Bere caffè potrebbe avere incide…

Bere diverse tazze di caf…

Fertilità maschile: nemici degli…

Fertilità in calo tra i…

La Commissione europea approva i…

Si tratta dell’infliximab…

I microrganismi come l'Helicobac…

Le conclusioni dello stud…

Gastroenterite: In Italia Colpit…

Il Rotavirus è la prima c…

Da Palermo la proposta di ‘Anemi…

Professori, medici spec…

Come fa l'ameba a riconoscere i …

Quando le amebe Dictyoste…

Malaria: super molecola arriva c…

[caption id="attachment_8…

Le malattie infettive a scuola: …

Malattie infettive come p…

Gravidanza breve se preceduta da…

La durata di una gravida…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

“Pillolo” per lui: test sempre più promettenti i risultati sui topi. Ma è una realtà che si avvicina

Per ora rimane un obiettivo sfuggente, ma presto la pillola contraccettiva maschile potrebbe davvero diventare realtà: i risultati di un nuovo studio su ‘Cell’ dimostrano che gli scienziati del Dana-Farber Cancer Institute e del Baylor College of Medicine (Usa) stanno andando nella giusta direzione per rendere il controllo delle nascite per via orale una responsabilità non più a esclusivo appannaggio di ‘lei’, ma anche di ‘lui’.
I ricercatori spiegano di aver messo a punto e testato un composto di piccole molecole con funzione contraccettiva reversibile nei topi maschi.

Il composto, chiamato JQ1, penetra attraverso il tessuto sanguigno del testicolo e arriva a interrompere la spermatogenesi, il processo attraverso il quale si sviluppano spermatozoi maturi. Il risultato è una diminuzione del numero e della qualità degli spermatozoi.

Lo studio ha dimostrato che la produzione di spermatozoi normali riprende quando la terapia con JQ1 viene interrotta e che il composto non influenza la produzione di testosterone, il comportamento sessuale o la salute della prole concepita dopo l’uso del farmaco. “I nostri risultati dimostrano che, quando somministrato ai roditori, questo composto produce una diminuzione rapida e reversibile della conta e della mobilità degli spermatozoi con profondi effetti sulla fertilità”, sottolinea James Bradner, autore senior della ricerca.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi