Dal liquido amniotico prelevare …

[caption id="attachme…

Boehringer Ingelheim ha sottomes…

• La prima sottomiss…

Ftalati in età pediatrica respon…

L'esposizione a sostanze …

Termites' digestive system could…

One of the peskiest h…

Dall'ormone della fame un aiuto …

Scoperta una nuova via me…

Herpes zoster: studi lo consider…

[caption id="attachme…

Glioblastoma: studio del CNR spi…

È un tumore cerebrale che…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Pillole con estradiolo naturale:…

Contraccezione orale su m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Turismo odontoiatrico: creato un network italiano che potrebbe dire “stop” ai viaggi per cure low cost

Stop al turismo odontoiatrico. Il fenomeno che vede ogni anno migliaia di nostri connazionali partire verso l’Est Europa per poter accedere a cure dentistiche altrimenti proibitive in Italia potrebbe presto essere solo un ricordo. Nasce, infatti, il network per cure dentali low cost in Italia, che offre prestazioni mediche di alta qualità, ma a prezzi accessibili. L’obiettivo è stato raggiunto ottimizzando l’organizzazione, creando economie di scala, unendo le eccellenze per abbattere i costi e poter garantire a tutti il diritto alla salute dentale. L’esempio virtuoso viene dal Friuli Venezia Giulia, dove alcune cliniche dentistiche di alto livello, appartenenti al network odontoiatrico Progetto dentale Apollonia, hanno dato vita a un’esperienza destinata a rivoluzionare il modo di concepire l’odontoiatria italiana.
E i numeri gli danno ragione – si legge in una nota – più di 300 mila le prestazioni erogate dal network dall’inizio della sua attività, per un totale di oltre 88 mila pazienti che sono ricorsi alle cure low cost evitando l’odissea, e i rischi, del viaggio all’estero.


Questo esodo odontoiatrico, infatti, oltre a determinare un danno economico per il nostro settore sanitario, nasconde delle incognite anche gravi sul fronte della sicurezza per la salute: questi Paesi hanno spesso norme igieniche diverse e meno restrittive di quelle italiane, specie per quanto riguarda la sterilizzazione degli strumenti e dei locali utilizzati. Inoltre, cosa accade se c’è qualche problema dopo l’intervento? Il paziente una volta ritornato in Italia non può contare su un’immediata assistenza post-operatoria e difficilmente in caso di emergenza potrebbe ricorrere al professionista che lo ha curato, se non a costo di un nuovo viaggio, nuovi disagi, nuove spese.
Insomma, curarsi in Italia è meglio. Il modello del network odontoiatrico low cost-high quality è riuscito in questi anni a frenare un fenomeno pericoloso e, al tempo stesso, a determinare la nascita di un polo di eccellenza nelle cure dentistiche, in grado di offrire le stesse tariffe dell’Est Europa, ma con la qualità garantita perché è al cento per cento italiano. Al momento, il progetto coinvolge più di 90 professionisti tra medici dentisti, odontoiatri e igienisti. I Centri del network Progetto dentale Apollonia sono 6, distribuiti tra il Friuli Venezia Giulia – Udine, Villotta di Chions (Pn) e Ronchi dei Legionari (Go) – e il Veneto – Peschiera del Garda (Vr) e Trissino (Vi). Per tutti lo stesso comune denominatore: professionisti di alto livello, avanzate tecnologie odontoiatriche e utilizzo di materiali scelti tra i migliori presenti sul mercato.(ADNKRONOS)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!