Il cervello illuminato dai neuro…

Studiosi statunitensi…

Pasqua si avvicina: bambini non …

Con la Pasqua e i pro…

Bambino di 6 anni morto di malar…

Dichiarazione della Prof.…

Alzheimer: variante genetica che…

Alcune variazioni in un g…

Proteina beta-amiloide: il primo…

[caption id="attachment_6…

Glioblastoma: nuova terapia comb…

Una terapia multipla semb…

Cellule staminali per curare ulc…

Le cellule staminali per …

Alzheimer: il cacao previene e i…

Dal cacao un’azione per c…

Un nuovo metodo verde per produr…

Finanziato nell’ambito de…

La carie, un problema di sanità …

Milano, 29 settembre 2014…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Caffeina per il Parkinson, sostanza dopaminergica che allevia i tremori del morbo

La caffeina potrebbe aiutare i malati di Parkinson ad attenuare i tremori. La ricerca della McGill University di Montreal, Canada, e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Neurology’. Nel passato la caffeina ha mostrato di ridurre il rischio di Parkinson, ma i suoi effetti non erano ancora stati testati in persone che gia’ soffrivano della malattia. Gli scienziati hanno coinvolto nello studio 61 persone con morbo di Parkinson cui sono state date per 6 settimane alcune pillole contenenti un equivalete di 3 tazze di caffe’ al giorno, oppure un placebo. Le persone nel gruppo cui era stata somministrata la caffeina hanno mostrato significativi miglioramenti nei test motori, sulla gravita’ dei tremori e in generale sulla mobilita’.


I problemi motori sono causati dalla mancanza di dopamina nelle aree in cui i neuroni che la producono vengono distrutti. I recettori dell’adenosina, normalmente, inibiscono la produzione di dopamina: la caffeina blocca l’azione di questi recettori, e cosi’ incrementa la produzione di dopamina. .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi