Frenare il fenomeno di autofagia

Lo stress si ripercuote s…

Giovani malati oncologici reduci…

Contrariamente a quanto c…

Cellule staminali cordonali cont…

Le cellule prelevate dal …

NEUROPROBES: il progetto per son…

[caption id="attachment_7…

Demenza: secondo esperti è un ve…

AGeSPI e Regione Piemonte…

Al congresso ASH 2017 sono state…

·      I risultati dello …

Tumori: rischio decesso per i pa…

I pazienti malati di canc…

Ricercatori scoprono nesso tra D…

[caption id="attachment_5…

Tumori e alimentazione: le propr…

[caption id="attachment_5…

Cataratta: la cura non migliora …

Ricercatori trovano la ch…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Acne: da un virus arriva una possibile arma difensiva

Un virus non pericoloso per l’uomo potrebbe aiutare a sconfiggere una delle malattie piu’ fastidiose, l’acne. Lo hanno scoperto i ricercatori dell’Universita’ di Pittsburgh pubblicato dalla rivista mBio, secondo cui il microrganismo agisce sui batteri che causano i brufoli. I ricercatori hanno studiato il “Propionibacterium acnes”, un batterio che puo’ scatenare l’acne, e una famiglia di virus, i “Propionibacterium acnes fagi”, che sono “programmati” per infettare e uccidere il batterio.


I ricercatori hanno analizzato il genoma di entrambi i microrganismi “prelevati” dalla pelle di persone sane e affette dalla malattia, verificando che i virus hanno una scarsa diversita’ genetica, che li rende i candidati ideali per lo sviluppo di un trattamento. Lo studio proseguira’ isolando la proteina attiva del virus, e verificando se e’ sufficiente da sola a produrre l’effetto sul batterio: “Il batterio e’ ormai resistente agli antibiotici usati ora – spiegano gli autori – mentre altri farmaci possono dare effetti collaterali”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi