"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Dolore cronico nei pazienti anzi…

Tecniche di comunicazione…

Molte amicizie (vere) su Faceboo…

Buone notizie per gli ama…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Dolore Cronico per oltre 745.000…

Il 15 ottobre, arriva in …

Sclerosi multipla: differenze ce…

La differenza che c'e' tr…

Marijuana e salute: una relazion…

L’uso abituale di marijua…

Broccoli anti-cancro, ma collabo…

[caption id="attachment_…

Staminali per la rigenerazione d…

[caption id="attachment_8…

Bambini all'aria aperta anche d'…

Le precauzioni per evitar…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie genetiche: il Danio rerio (zebrafish)si presta per un nuovo strumento messo a punto

Già ampiamente utilizzati per studiare gli effetti dei farmaci anticancro, gli zebrafish potranno ora essere impiegati anche per lo studio di altre malattie dell’uomo, in particolare per le malattie genetiche: un gruppo di studiosi della Mayo Clinic (Usa) ha infatti messo a punto un nuovo strumento di ingegneria genetica, il Talens, attraverso il quale è possibile inserire del Dna sintetico nel patrimonio genetico degli zebrafish e, di conseguenza, accendere e spegnere alcuni geni a seconda delle necessità, imitando i meccanismi innescati da alcune malattie, e studiarne gli effetti. Lo studio è stato pubblicato su Nature. «Attraverso l’utilizzo di strumenti di ingegneria genetica come il Talens e il Dna sintetico siamo in grado di fare piccole modifiche (solo pochi nucleotidi) – spiega Stephen Ekker, autore senior dello studio -.


È la prima volta che siamo in grado di apportare modifiche personalizzate al genoma degli zebrafish». Questo nuovo approccio, spiegano i ricercatori, potrà avere implicazioni anche negli studi condotti su topi, mosche e vermi, e nelle possibili applicazioni nel campo della ricerca sulle cellule staminali.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!