La rete europea LeukemiaNet agev…

I ricercatori europei con…

Premio Galeno 2009 per la prima …

Raltegravir, farmaco anti…

AIDS: cure immediate guariscono …

Un nuovo eccezionale colp…

Tumori: particolare proprietà de…

Alcuni ricercatori del Fr…

Piorrea: studi e scoperte verso …

La struttura e il meccani…

Paralisi facciale: le emicranie …

L'emicrania puo' raddoppi…

Seni "rifatti" under 18 adesso p…

Mai più "ritocchini" al s…

Ulcera gastrica curata con le na…

Un paziente con una grave…

'Il Pillolo', contraccettivo mas…

Dopo anni di sperimentazi…

Fibrosi cistica: malattia geneti…

La lotta alla fibrosi cis…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro alle ovaie e fumo: scoperta relazione da studiosi britannici

Ricercatori britannici scoprono una relazione tra il vizio del fumo e il cancro ovarico.
Fumare è dannoso, e le prove non mancano. I danni alla salute accertati sono ormai incalcolabili e, ogni giorno, si scopre che le spire di fumo si insinuano in sempre più diversi recessi del corpo andando a portare la loro nera traccia di morte.
Uno di questi luoghi in cui si è scoperta oggi la “traccia nera” sono le ovaie, di cui i ricercatori hanno trovato un legame con il cancro che le colpisce.

Lo studio sul collegamento tra fumo e cancro ovarico è stato finanziato dall’UK Cancer research ed è stato condotto dal Collaborative Group on Epidemiological Studies of Ovarian Cancer di stanza presso la Oxford University.
I ricercatori hanno coinvolto nello studio 123.056 donne, di cui 28.114 affette da cancro alle ovaie e 94.942 donne senza diagnosi di cancro ovarico per analizzare il possibile legame tra il vizio del fumo e il cancro. I risultati sono poi stati pubblicati sulla rivista The Lancet Oncology.

«In precedenza c’era solo un debole legame tra fumo e cancro alle ovaie, proveniente da un lavoro del 2009 – spiega nel comunicato Oxford il professor Colin Binns, coautore dello studio – Questa nuova analisi stabilisce fermamente un rapporto per un particolare tipo di cancro ovarico, tumore mucinoide, che rappresenta circa il 15 per cento del totale di tutti i tumori ovarici».
L’analisi ha preso in considerazione molti dei possibili fattori di rischio, tra cui lo stile di vita delle partecipanti, lo status socio-demografico, l’indice di massa corporea, l’uso di contraccettivi orali, l’uso di terapia ormonale sostitutiva, il consumo di alcol e, ovviamente, il vizio del fumo.

Nonostante i ricercatori ritengano siano necessari ulteriori studi per comprendere meglio come il fumo possa aver stimolato lo sviluppo del cancro ovarico, un passo importante nella prevenzione è senz’altro l’evitare o lo smettere di fumare.
«Mentre smettere di fumare è il miglior consiglio, abbiamo trovato prove che bere tè verde, allattare al seno, mangiare frutta e verdura, praticare regolare esercizio fisico ed evitare di divenire obese è anche senz’altro utile», conclude Binns.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi