WAidid approda in Azerbaijan: si…

WAidid, l’Associazione Mo…

Trachea in provetta: sta bene pr…

Sta bene e conduce una vi…

Dal MIT: lenti a contatto come d…

[caption id="attachme…

Ictus: alcuni antidepressivi pos…

L'uso di alcuni popolari …

Virus mini-generatori: negli USA…

Immaginate di ricaricare…

Epatite C: farmaci antivirali, n…

Trattare la forma cronic…

NEL CORSO DEL 61° CONGRESSO ANNU…

I dati hanno dimostrato t…

Cellule staminali contro il diab…

Il trapianto di cellule s…

Genoma Acropora millepora: in Au…

[caption id="attachme…

FECONDAZIONE: SOCIETA' SCIENTIFI…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dermatiti da contatto o allergiche: boom per cosmetici usati (anche per gioco) in fasce di età 8-12 anni

Smalti e fiorellini sulle unghie, ombretto sulle palpebre, rossetto e mascara. La piccola Suri Cruise, la figlia di Tom Cruise e Katie Holmes sta facendo scuola. Le bambine giocano sempre più a fare le grandi e i loro esperimenti di make-up non sempre restano dentro i muri di casa, ma escono allo scoperto con la complicità delle mamma. È boom tra le bambine dell’uso dei cosmetici, con rischi per la pelle e un incremento di dermatiti da contatto o allergiche, che fanno registrare un +16,7% nella fascia di età 8-12 anni. A lanciare l’allarme è il presidente della Federazione italiana medici pediatri (Fimp) Giuseppe Mele che punta il dito contro la tendenza a considerare i bambini “sempre più come giocattoli in vetrina, una spettacolarizzazione e un ‘accessorio’ dei desideri dei genitori”.

Make-up da adulti per visi ancora immaturi e iper-sensibili alle sostanze chimiche. Anche i tatuaggi temporanei, moda tipicamente estiva, possono provocare reazioni allergiche, fanno notare i pediatri della Fimp. “Come Federazione – assicura Mele – monitoriamo con grande attenzione diversi siti che consigliano al ragazzo come vestirsi, cosa indossare. E si invitano bambine, anche di 9 anni, a truccarsi in un determinato modo”. Il fenomeno è sempre più precoce. “Non dobbiamo credere che sia solo una moda passeggera – dice Mele -. I minori stanno diventando nuovi oggetti del marketing: se prima i messaggi pubblicitari si rivolgevano solo indirettamente ai piccoli, facendo leva sulle madri, ora invece i bambini diventano ‘mercato diretto’. Un fenomeno – conclude Mele – da monitorare attentamente”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi