il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

IN DIRETTA LA CURA LASER PER LA …

Professor Giovanni Ferr…

Celiachia nel bambino: conoscerl…

Milano, 15 settembre 2014…

Malattie autoinfiammatorie rare …

[caption id="attachment_1…

Sclerosi multipla: prima volta s…

La ricerca italiana segna…

Pallacanestro Varese: ora anche …

Già da febbraio Pallacane…

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

ADHD: la necessità di percorsi d…

Dal modello adottato dall…

Uno studio rivela che l'aria è p…

[caption id="attachment_1…

Diabete 1, in arrivo una cura d…

Novità incoraggianti da…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome delle apnee notturne, esaspera eventi cardiovascolari

La Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (Osa), una patologia molto diffusa ma spesso trascurata, puo’ aumentare il rischio di morte per malattie cardiovascolari negli anziani. Lo ha scoperto uno studio spagnolo pubblicato dall’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, secondo cui pero’ un semplice trattamento annulla l’effetto negativo.


I ricercatori del Politecnico di Valencia hanno studiato l’effetto della C-Pap, una terapia che consiste nel ventilare il paziente con una pressione positiva che elimina l’ostruzione: “Nel nostro studio abbiamo monitorato 939 pazienti anziani con gravi forme di Osa – scrivono gli autori – quelli non trattati hanno avuto un rischio aumentato di ictus e infarto, mentre per gli altri il rischio era pari a quello delle persone senza l’ostruzione”. Confrontata con quella del gruppo di controllo, la probabilita’ di morte era 2,25 volte maggiore per i pazienti con Osa grave non trattati, circa uguale per quelli trattati e 1,38 volte maggiore per quelli con Osa moderata non trattati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: