Tumori: vaccino 'ad personam' co…

Nel dubbio ha fatto bene…

L'interruttore di crescita cellu…

[caption id="attachment_7…

Quel che resta del ricordo e' so…

[caption id="attachment_6…

Bambini stranieri nelle scuole i…

La Società Italiana di Pe…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il SIldenafil aiuta nella preven…

Il Sildenafil dovrebbe es…

La placenta come fonte important…

[caption id="attachment_1…

Ictus: il magnesio riduce i risc…

Le persone che mangiano m…

L'effetto 'gelo' per distruggere…

[caption id="attachment_6…

La strategia di sopravvivenza de…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Menopausa: perché il calo degli estrogeni corrisponde con un aumento dell’addome nelle donne

Le donne sono piu’ inclini ad accumulare grasso nell’addome, rispetto agli uomini, a causa di un enzima che con il calo degli estrogeni, dopo la menopausa, porta ad aumentare la pancia. La ricerca dell’Ohio State University e’ stata pubblicata sulla rivista Diabetes.L’indagine ha monitorato gli effetti di una dieta ad alto contenuto di grassi sugli uomini e le donne attraverso esperimenti effettuati sui topi in laboratorio. “L’enzima ‘Aldehyde Dehydrogenase 1′ – ha spiegato l’autrice della ricerca Ouliana Ziouzenkova – produce un ormone potente che attiva la formazione delle cellule di grasso viscerale. La fonte vitale di questo ormone e’ la vitamina A.


L’enzima si attiva a piu’ alti livelli nelle donne rispetto agli uomini quando sottoposti ad un regime alimentare ingrassante. In pratica, quando in laboratorio abbiamo geneticamente eliminato l’enzima, un’identica dieta faceva accumulare meno grasso nella parte addominale delle donne mentre sugli uomini aveva meno incidenza. Inoltre, gli estrogeni sono risultati importanti nel bloccare l’azione dell’enzima. Ecco spiegato perche’ con il calo degli ormoni femminili postmenopausa il grasso si accumula sull’addome”. “Il risultato suggerisce che l’enzima potrebbe diventare un fattore importante per realizzare nuove terapie anti-obesita’ e che la dieta non e’ cosi’ indicativa quanto le predisposizioni genetiche di cio’ che il nostro corpo fa del grasso ingerito”, ha concluso .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: