Alzheimer e memoria semantica: l…

[caption id="attachment_1…

La qualità del sonno migliora co…

Un nuovo studio statunit…

Alzheimer: funziona la prevenzio…

La somministrazione prolu…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Arrivano gli stent per i restrin…

Buone notizie per i pazie…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Dal colesterolo una speranza con…

[caption id="attachm…

Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

SLA: un errore nella formazione …

Un errore nella formazion…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: senza ossigeno esasperano la loro aggressività

Quando un tumore e’ privato in parte dell’ossigeno, invece di morire, diventa piu’ aggressivo e inizia a formare metastasi. Lo ha scoperto uno studio pubblicato dalla rivista Cancer Research, secondo cui i segnali cellulari che seguono l'”asfissia” comandano alle cellule di cercare altrove nuove fonti di nutrimento. “Sapevamo che una proteina chiamata Hif-1a e’ sovraespressa nei tumori ipossici – spiegano i ricercatori dell’universita’ del Colorado – e anche che un particolare marker delle cellule staminali tumorali chiamato Cd24 era sovraespresso in molti tumori.


Ora abbiamo mostrato il legame tra i due: la proteina crea la sovraespressione del marker, e quest’ultimo e’ responsabile del comportamento piu’ aggressivo, oltre che dello sviluppo di resistenza alla chemioterapia”. La scoperta e’ stata fatta variando artificialmente in tessuti tumorali i livelli delle due molecole: “Ora abbiamo un obiettivo da colpire – sottolineano gli autori – se riuscissimo a evitare la produzione del marker o a eliminare le cellule con questa proteina potremmo disarmare la parte piu’ letale del tumore”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!