Insulina e temperatura corporea:…

L'insulina è l'ormone sec…

L'intricata, caotica rete di tra…

L'informazione immagazzin…

Nervi danneggiati: gel che li ri…

Grazie a un impianto …

Antidepressivi: l'AIFA registra …

Il farmaco in Italia e' …

Studio su come il cervello elabo…

[caption id="attachme…

Tumori endometrio: farmaco che c…

Le donne che fanno uso di…

Depressione, per l'area più anti…

La reazione allo stress e…

Alopecia areata: otto geni a cap…

[caption id="attachment_8…

Superstatine contro colesterolo …

[caption id="attachment_9…

Sul New England Journal of Medic…

Sul New England Journal o…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Bipolarismo: scoperta l’implicazione di mutazioni genetiche

Piccole variazioni in alcuni geni potrebbero essere legate a un maggior rischio di ammalarsi di disordine bipolare, una malattia mentale che colpisce circa sei milioni di americani ogni anno. Lo studio proviene dallo Scripps Research Institute ed e’ stato pubblicato sulla rivista ‘Translational Psychiatry’. “Usando campioni provenienti da 3.400 individui, abbiamo identificato molte nuove mutazioni genetiche collegabili al disturbo bipolare”, ha spiegato Ron Davis, che ha condotto la ricerca.


Il nuovo studio ha esaminato variazioni in 29 geni che sono state trovate in pazienti con i due tipi piu’ comuni di disordine bipolare, quello di tipo I e di tipo II. I geni mutati provenivano da 1.712 individui con disturbo bipolare di tipo I e 516 pazienti con disturbo di tipo II. In particolare, gli scienziati hanno notato che un’area in cui gene PDE10A codifica nello striato, una parte del cervello associata con apprendimento e memoria, oltre che con le scelte e la motivazione, potrebbe essere un target molto importante per nuove terapie.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!