Metalli pesanti nei cosmetici: a…

Una nuova ricerca riv…

International Nano MIT and the …

International Nano MI…

Gioco d’azzardo patologico, colp…

È un vero e proprio allar…

Ipertermia per la cura dei tumor…

[caption id="attachment_6…

Tumori: scoperti partner 'moleco…

[caption id="attachment_…

Ipertensione, i quattro fattori …

Congresso europeo di card…

Ricerca italiana sull'ipertensio…

[caption id="attachment_2…

Geni "lontani" dalle aree del ge…

Vicini di casa a sorpresa…

Depressione post-parto e gravida…

La depressione dopo i…

Apnea notturna e i rischi di ict…

Le persone che soffrono d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali neurali iniettate nel cervello in grado di produrre mielina

Le cellule staminali neurali una volta trapiantate nel cervello producono mielina, la sostanza isolante che ricopre i neuroni, e a un anno dall’iniezione sembrano essere sicure e non produrre effetti indesiderati. Lo affermano i risultati preliminari di un trial di fase 1 pubblicati dalla rivista Science Translational Medicine. Nel trial coordinato dall’Universita’ di San Francisco le staminali neurali umane sono state iniettate nel cervello di quattro bambini con una forma precoce di una malattia conosciuta come morbo di Pelizaeus-Merzbacher, in cui le cellule celebrali chiamate oligodendrociti non riescono a produrre la mielina, che porta a gravi problemi neurologici e alla morte tra i 10 e i 15 anni di eta’.


Prima e dopo il trapianto i pazienti sono stati sottoposti a test neurologici e a risonanza magnetica. A un anno dall’intervento le cellule hanno attecchito nell’area dove sono state inserite, senza provocare problemi, e non sono state rigettate: “Abbiamo anche trovato delle prove indirette di produzione di mielina – sottolineano i ricercatori – abbiamo anche visto qualche lieve miglioramento nelle funzionalita’ neurologiche, anche se e’ presto per attribuirlo al trapianto”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!