Fecondazione in vitro: l'Italia …

"In Italia la fecondazion…

Nuove Soluzioni Gestionali In Ne…

Creazione di sinergie tra…

Zucchero: non è solo dolce, il l…

Lo zucchero puo' essere d…

AIDS: messa a punto una sostanza…

Messa a punto una sostanz…

AIDS: un nuovo vaccino sconfigge…

La sperimentazione della …

Dentista express: low cost, low …

Il 21% degli italiani ha …

Evoluzione nel trattamento endov…

Sviluppata nuova protesi …

Medicina rigenerativa: il sogno …

[caption id="attachment_6…

Sviluppo cardiaco nell'embrione:…

Due problemi principali i…

Il legame diretto tra disturbi p…

Per la prima volta è stat…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epidemia da meningite fungina: negli USA aumentano contagi e decessi

Diagnosticati nelle ultime ore 7 nuovi casi, per un totale di 205 contagi e, finora, 15 decessi: è  il bilancio dell’epidemia scoppiata negli Stati Uniti a causa di un raro ceppo di meningite fungina. Il contagio è stato provocato dalla contaminazione di un farmaco in fiale contro il mal di schiena prodotto da un’azienda del Massachusetts che sarebbe stato distribuito, secondo i dati disponibili, in 23 stati e 76 strutture mediche. I numeri arrivano dai Centri statunitensi per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC), secondo cui gli Stati interessati sono, fino ad adesso, 14. Le fiale contaminate distribuite sarebbero migliaia, e le persone messe a rischio di contrarre questo tipo di meningite arriverebbero a 14 mila.
Gli Stati più colpiti – Gli ultimi casi sono stati registrati nel New Hampshire, in Florida, in Indiana e nel Tennessee, che continua ad essere lo stato più colpito con 53 casi e sei morti, seguito dal Michigan, con 41 casi e tre decessi, e dalla Virginia, con 34 casi e un morto. Solo in due casi, spiegano dai CDC, non si tratta di meningite fungina ma di infezioni articolari periferiche collegate alla somministrazione del farmaco infetto: per tutti gli altri casi, invece, il rischio di complicazioni anche molto serie rimane alto.
 


La meningite – 
La meningite è un’infezione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale
. I sintomi includono febbre e malessere generale, vomito, nausea, rigidità della nuca, convulsioni, alterazione dello stato di coscienza, comparsa di macchie rosse a livello cutaneo (petecchie). Può essere di origine batterica, tossica, parassitaria, o essere secondaria a diversi processi patologici. Quella fungina, in particolare, è relativamente rara e tende a colpire persone con deficit immunitari, e può essere pericolosa per la vita.


Le indagini sull’azienda – Il sospetto è che la New England Compounding Center, l’azienda produttrice delle fiale contaminate, non abbia rispettato tutti i protocolli di sicurezza stabiliti dalla Food and Drug Administration per la produzione dei farmaci, e che questo possa aver portato alla contaminazione del farmaco. Diversi Stati tra cui Michigan, Indiana, Minnesota e Ohio stanno indagando sulla società e sul processo di produzione, e nel New Hampshire e in Tennessee sono già in programma udienze amministrative per giudicare possibili violazioni.

Salute Il Sole 24 ore

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!