Siena: via allo sviluppo vaccino…

[caption id="attachment_7…

La percezione visiva migliorata …

Anche chi vede bene non s…

Come si adatta il cervello allo …

Come si adatta il cervell…

Diabete e ictus: la genetica ind…

[caption id="attachment_8…

Linagliptin riduce in modo signi…

I risultati degli studi…

Mamma, vado all’asilo. Tutti i c…

Decidere di mandare un ba…

Tumori sfuggono al sistema immun…

[caption id="attachment_6…

Prima interfaccia cerebrale uomo…

Comandare il moviment…

EPAC ONLUS plaude alla prima ris…

[caption id="attachment_7…

Telethon al S. Raffaele, scopre …

La scoperta, realizza…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sinusite: predisposizione bassa negli individui con forte senso dell’amaro

Chi e’ piu’ sensibile ai sapori amari avra’ meno sinusiti. I recettori dell’amaro, infatti, sono stati legati direttamente alla capacita’ di regolare le difese contro le infezioni delle vie aeree superiori: in particolare, le persone che riescono a individuare determinati sapori amari hanno mostrato di essere meglio difese contro le infezioni croniche dei seni nasali. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista ”Journal of Clinical Investigation”, ed e’ opera della University of Pennsylvania. I ricercatori hanno scoperto che uno dei recettori dell’amaro che agisce nelle cellule delle vie aeree superiori, conosciuto come T2R38, agisce come una sorta di ”guardia di sicurezza”, scovando molecole appartenenti a una certa classe di batteri.


”Queste molecole istruiscono gli altri batteri a creare i biofilm, batteri in rete che si aiutano vicendevolmente a diffondersi.
Questi biofilm portano a un eccesso di risposta infiammatoria che provoca le sinusiti. Quando il recettore T2R38 individua queste molecole, attiva le difese locali che uccidono i batteri invasori”, ha spiegato Noam Cohen, fra gli autori dello studio.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!