Altroconsumo: le nuove pillole a…

[caption id="attachme…

Emicrania: legata ad una mutazio…

Identificata una muta…

Diabete di tipo 2: la Commission…

·         Empagliflozin…

Allarme “neuro-recessione”: il 6…

DAL 22 AL 25 OTTOBRE A TO…

Cancro: identificata molecola ch…

Identificata una molecola…

Sindrome premestruale: il Ferro …

Assumere ferro potrebbe …

Addio agli occhiali con il laser…

Busto Arsizio (VA), giugn…

Terapia steroidea in artrite reu…

Il nuovo sistema a rilasc…

Infarto: un nuovo e sensibilissi…

La nuova metodica ha perm…

LILT: la solidarietà si veste di…

Giorgia Surina madrina de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sinusite: predisposizione bassa negli individui con forte senso dell’amaro

Chi e’ piu’ sensibile ai sapori amari avra’ meno sinusiti. I recettori dell’amaro, infatti, sono stati legati direttamente alla capacita’ di regolare le difese contro le infezioni delle vie aeree superiori: in particolare, le persone che riescono a individuare determinati sapori amari hanno mostrato di essere meglio difese contro le infezioni croniche dei seni nasali. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista ”Journal of Clinical Investigation”, ed e’ opera della University of Pennsylvania. I ricercatori hanno scoperto che uno dei recettori dell’amaro che agisce nelle cellule delle vie aeree superiori, conosciuto come T2R38, agisce come una sorta di ”guardia di sicurezza”, scovando molecole appartenenti a una certa classe di batteri.


”Queste molecole istruiscono gli altri batteri a creare i biofilm, batteri in rete che si aiutano vicendevolmente a diffondersi.
Questi biofilm portano a un eccesso di risposta infiammatoria che provoca le sinusiti. Quando il recettore T2R38 individua queste molecole, attiva le difese locali che uccidono i batteri invasori”, ha spiegato Noam Cohen, fra gli autori dello studio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi