Leucemia Linfatica Cronica: un m…

Il modello è stato testat…

DA APRILE TUTTA L’ITALIA CORRE C…

Fino a luglio saranno 26 …

Cervello: mappata la rete neural…

Le mappe complete di esp…

IIT identifica alcune mutazioni …

La mappa genica completa …

L'uomo di Neanderthal: vita inte…

[caption id="attachment_1…

Aminoacidi anti-invecchiamento, …

L'aggiunta in dieta di sp…

Parole del dolore”: un progetto …

Quasi 1 paziente su 2 è d…

Progetto UE per individuare batt…

[caption id="attachment_…

Obesità: nuovo farmaco che inibi…

Un gruppo di ricercatori…

I pediatri SIPPS: lo yoga, buon …

Roma, 31 gennaio 2013 –…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sinusite: predisposizione bassa negli individui con forte senso dell’amaro

Chi e’ piu’ sensibile ai sapori amari avra’ meno sinusiti. I recettori dell’amaro, infatti, sono stati legati direttamente alla capacita’ di regolare le difese contro le infezioni delle vie aeree superiori: in particolare, le persone che riescono a individuare determinati sapori amari hanno mostrato di essere meglio difese contro le infezioni croniche dei seni nasali. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista ”Journal of Clinical Investigation”, ed e’ opera della University of Pennsylvania. I ricercatori hanno scoperto che uno dei recettori dell’amaro che agisce nelle cellule delle vie aeree superiori, conosciuto come T2R38, agisce come una sorta di ”guardia di sicurezza”, scovando molecole appartenenti a una certa classe di batteri.


”Queste molecole istruiscono gli altri batteri a creare i biofilm, batteri in rete che si aiutano vicendevolmente a diffondersi.
Questi biofilm portano a un eccesso di risposta infiammatoria che provoca le sinusiti. Quando il recettore T2R38 individua queste molecole, attiva le difese locali che uccidono i batteri invasori”, ha spiegato Noam Cohen, fra gli autori dello studio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi