Gravi patologie all'occhio: appr…

Curate con successo due a…

Trattamento del dolore cronico: …

Presso il Centro di Ter…

L’Università di Milano-Bicocca a…

La collaborazione è stata…

Pediatria: casi di asma in aumen…

''La tutela della sa…

Reazioni immunitarie 'fastidiose…

[caption id="attachment_8…

I meccanismi umani della scelta …

Se un organismo ha la pos…

Caffeina per il Parkinson, sosta…

La caffeina potrebbe aiut…

I farmaci per la pressione: inas…

I farmaci beta-bloccanti…

Il brivido della paura nei pesci…

L'odore della paura? Per…

Istituto Regina Elena: nuove tec…

Roma, 7 maggio 2012 – Nel…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Anemia: gene essenziale in carenza può provocarla

– Un team di ricercatori del Brigham and Women’s Hospital ha scoperto un nuovo gene che regola la sintesi dell’emoglobina durante la formazione dei globuli rossi. La scoperta costituisce un passo in avanti per la Biomedicina nella comprensione e nel trattamento dell’anemia umana e dei disordini mitocondriali. Lo studio e’ stato descritto sulla rivista Nature. I ricercatori hanno effettuato i test sul genoma dei pesci zebra per clonare il gene mitocondriale Atpif1. Il gene permette sia agli animali sia agli esseri umani di produrre efficientemente l’emoglobina.


L’emoglobina e’ la proteina nei globuli rossi responsabile del trasporto di ossigeno nel sangue. I ricercatori hanno scoperto che la perdita del gene Atpif1 causa anemia grave e che il gene possiede un ruolo meccanicistico piu’ ampio: regola l’attivita’ enzimatica del ferrochelatase, enzima che ha un ruolo conclusivo nella biosintesi dell’ematina, componente dell’emoglobina. La ricerca ha rilevato che il gene ha una funzione importante nella differenziazione normale dei globuli rossi e che la sua carenza puo’ contribuire allo sviluppo di diverse malattie umane come le anemie congenite sideroblastiche.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi