Quando l'aterosclerosi provoca m…

Un nuovo studio pubblicat…

Tumore al polmone: dopo il fumo …

La 'Relazione sullo stato…

Chetamina contro la depressione

La chetamina potrebbe aiu…

Dall'Austria la pillola che cura…

[caption id="attachment_5…

Abbronzatura: in grado di produr…

Il Sole e' come una droga…

HIV: ricerca italiana scopre met…

Un team dell'Istituto sup…

Immuno-oncologia: quarta reale a…

Roma, 27 ott 2014 - Poten…

Rene policistico: scoperto gene …

Scoperto il gene che caus…

Artroscopia per riparare la cavi…

Nel mondo dello sport è c…

FDA pone il suo OK sul test rapi…

La Food and drug administ…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autunno: acido folico nelle donne in età fertile, per affrontarlo “con forza”

Piatti ricchi di acido folico a tavola per tutelare la salute del figlio che verrà. Senza rinunciare a gusto e fantasia, grazie ad un menù autunnale realizzato a quattro mani dalla nutrizionista Stefania Ruggeri, ricercatore dell’ ex Inran (Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione) e Massimo Ogliotti, chef Alma, Azienda Dietiquette. La proposta, dedicata alle donne in età fertile, è stata illustrata oggi al convegno “Prevenzione primaria e malformazioni congenite”, promosso dal Centro nazionale malattie rare (Cnmr), in corso a Roma all’Istituto superiore di Sanità.

Le tre proposte culinarie utilizzano alimenti base ricchi di acido folico, privilegiando i prodotti tipici e di stagione, il tutto condito da olio extravergine d’oliva per la presenza di acidi grassi monoinsaturi e vitamine ad azione antiossidante. Senza dimenticare l’attenzione per le tecniche di cottura, che non devono essere mai violente e prolungate per non ridurre le proprietà nutrizionali. Questi i ‘piatti della salute’: sformatino di zucca in foglia di verza con cavoletti di Bruxelles e broccoli alla scorza d’arancia e noci. Zuppetta di gamberi, fagioli risina di Spello e pasta di mais. Trancetto di merluzzo con carciofi ai pinoli ed olive taggiasche con mirepois di peperoni e dadolini di mela granny smith.
“Associamo sempre ai primi piatti e ai secondi le verdure per aumentare la quantità di assunzione giornaliera di questi alimenti. Più fibre e maggiore senso di sazietà”, ha consigliato la nutrizionista.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!