Innovazione in campo nutrizional…

Il test genetico e l’inte…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Il Consiglio di Stato conferma c…

Roma, 11 marzo 2013 - “Fa…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cervello: ciglia cellulari guidano neuroni durante lo sviluppo embrionale

Un nuovo studio ha mostrato il ruolo dinamico delle ‘ciglia’ cellulari nel guidare la migrazione dei neuroni nel cervello embrionale. Le ciglia sono delle piccole strutture simili ai peli che si trovano sulla superficie delle cellule ma nel cervello agiscono piu’ come delle piccole antenne radio. Lo studio della Emory University e’ stato pubblicato su ‘Developmental Cell’. I ricercatori hanno osservato ciglia che si estendevano e si ritraevano in corrispondenza della migrazione dei neuroni durante lo sviluppo di alcuni embrioni di topi.

Le ciglia sembravano ricevere i segnali necessari ai neuroni per trovare ilo posto in cui sistemarsi. Gli studiosi hanno anche mostrato che alcune mutazioni genetiche che possono causare un disordine nel neurosviluppo noto come sindrome di Joubert possono interferire con questa funzione migratoria delle ciglia. La scoperta suggerisce che i problemi con la migrazione dei neuroni potrebbero spiegare alcuni aspetti dei sintomi dei pazienti che hanno questa malattia. “Siamo stati sorpresi di scoprire il suolo dinamico delle ciglia. mentre gli interneuroni migrano per far sviluppare la corteccia cerebrale, queste si muovono.
Quando si fermano, le cilia si estendono, come se gli interneuroni stessero cercando di capire dove andare”, ha spiegato Tamara Caspary, fra gli autori dello studio.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!