Vescica iperattiva: efficace la …

Contro la sindrome de…

Tornare ad amare dopo il tumore …

L’ uro- andrologia chiru…

Fibrosi cistica: tessuto polmona…

Un tessuto polmonare colt…

Cancro: nuovi antitumorali estra…

I ricercatori del MIT (Ma…

Approvato in Europa un nuovo tes…

[caption id="attachme…

Quando un semplice esame del san…

[caption id="attachme…

Aids: vaccino preventivo accumul…

Lo studio ha dimostrato u…

"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Maculopatia trattata con cellule…

L'uso di staminali ricava…

SIPPS, integrazione e disabilità…

Roma, 5 aprile 2013 – Il …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ictus: da scienziati europei arrivano speranze oggettive

L’UE registra ogni anno circa un milione di casi di ictus, che è la seconda principale causa di morte a livello mondiale, subito dopo le malattie cardiache. I dati europei mostrano che circa il 25 % degli uomini e il 20 % delle donne probabilmente subiranno un ictus se raggiungeranno l’età di 85 anni. Nonostante le caratteristiche fatali dell’ictus, provocato da interruzioni dell’afflusso di sangue al cervello e quindi una rapida perdita delle funzioni cerebrali, i ricercatori ritengono che migliorare le terapie può aiutare i pazienti a sopravvivere. Due progetti finanziati dall’Unione europea stanno ora studiando modi per dare speranza a migliaia di pazienti e di vita DOPO that have been diagnosticati con corsa .

I progetti EUSTROKE e ARISE hanno riunito ricercatori, clinici e piccole imprese per lavorare a una ricerca di punta e allo sviluppo di promettenti nuove terapie. EUSTROKE (“European stroke research network”) e ARISE (“Affording recovery in stroke”) sono entrambi finanziati nell’ambito del tema “Salute” del Settimo programma quadro dell’UE (7° PQ) per un importo di 10 milioni di euro e 11 milioni di euro, rispettivamente.

Il consorzio EUSTROKE, che fa capo all’Università di Heidelberg in Germania, sta studiando modi per aumentare la nostra comprensione del sistema neurovascolare, al fine di migliorare la prevenzione e il trattamento dell’ictus. Il team di ARISE, da parte sua, sta sviluppando e testando nuovi trattamenti per indurre il ripristino delle funzioni perdute. Risultati positivi potrebbero portare sollievo e speranza ai pazienti colpiti da ictus.

“Sin dall’inizio, la Commissione europea ci ha incoraggiati a lavorare a stretto contatto,” ha detto il professore capo di EUSTROKE Stephen Meairs del Dipartimento di neurologia dell’Università di Heidelberg, in Germania. “In primo luogo, abbiamo costituito piattaforme comuni per lo svolgimento di sperimentazioni cliniche e la formazione di giovani ricercatori. Abbiamo deciso di utilizzare gli stessi metodi e modelli di ictus, e anche di condividere i progressi in materia di imaging. La cooperazione finale, tuttavia, era la totale fusione dei due consorzi per formare la rete ESN (European Stroke Network). Questo ci permette di utilizzare in modo ottimale le risorse europee e riunisce le migliori menti della ricerca sull’ictus per combattere questa malattia devastante.”

Lavorando insieme, il gruppo ESN è riuscito a fare una serie di scoperte. Un esempio è lo sviluppo di concetti nuovi per il trattamento del gonfiore del cervello dopo l’ictus che rappresenta una minaccia per la vita. I ricercatori ESN hanno scoperto che il miglioramento dell’ambiente di trattamento potrebbe dare una spinta all’esito dell’ictus.

Per i pazienti, fare giochi o compiere varie attività durante la fase di recupero può rendere questo possibile. Gli scienziati ESN hanno utilizzato tecniche di imaging d’avanguardia per dimostrare come questo tipo di attività potrebbe generare nuove connessioni cerebrali.

Il gruppo sta anche sviluppando nuovi metodi per sciogliere i coaguli di sangue nei vasi cerebrali con l’impiego dell’energia acustica, migliorando in tal modo la terapia dell’ictus acuto. Stanno inoltre studiando una sofisticata immunoterapia per prevenire gli effetti neurotossici ritardati dell’attivatore tissutale del plasminogeno (tPA) trombolitico. Valutando il ruolo dell’infiammazione nell’ictus, hanno anche osservato che l’infezione cronica sistemica aumenta il danno ischemico e della barriera ematoencefalica, che a loro volta conducono a un’infiammazione cerebrovascolare diffusa.

“I vari impatti di un ictus e la successiva riorganizzazione e riparazione del cervello sono molto complessi,” ha detto il coordinatore di ARISE, il professor Ulrich Dirnagl del Dipartimento di neurologia e neurologia sperimentale, e del Centro per la ricerca sull’ictus di Berlino, presso l’Università di medicina Charité in Germania. “Sviluppare strategie di successo per la protezione e la riparazione del cervello richiede pertanto uno sforzo congiunto che coinvolge esperti di neuroscienza generale, biologia vascolare, neuroimmunologia, neuroprotezione, neurorigenerazione, somministrazione di farmaci e neurologia clinica dell’ictus.”

Commentando il lavoro svolto da ESN, il professor Meairs ha detto: “Un ictus può essere devastante. E non c’è nient’altro che assorbe così tanti miliardi di euro per le cure. L’ictus è la principale causa di disabilità e le cose stanno peggiorando. Abbiamo quindi ottime ragioni per affrontare di petto questo problema.”

Per maggiori informazioni, visitare:

EUSTROKE:
http://www.europeanstrokenetwork.eu/

ARISE:
http://www.arise-europe.net/index-preview.php

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: