Il corpo umano: un mosaico genet…

DNA non è lo stesso in tu…

Aspirina riduce possibilità di f…

L'aspirina potrebbe ridur…

Occhiali 'bionici' per ipovedent…

Occhiali 'bionici' potreb…

Autismo: e' l'inquinamento a sca…

"Esiste una correlazione …

I geni dell'insulina alterano il…

Molti dei geni che regola…

Amniocentesi: il salto alla sost…

La sfida per avere la cer…

GSK 'open access', rende pubblic…

[caption id="attachme…

[Telethon] Un trucco molecolare …

[caption id="attachment_6…

La 'Terapia fotodinamica' che so…

[caption id="attachment_1…

Mieloma multiplo: sviluppata nuo…

Sviluppata una molecola s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattia umana di un organo ricreata su chip

I ricercatori dell’Università di Harvard sono riusciti per la prima volta a riprodurre una malattia umana in un organo su chip. Si tratta, spiegano gli studiosi del Wyss Institute for Biologically Inspired Engineering su ‘Science Traslational Medicine’, dell’edema polmonare. Il risultato, che si è guadagnato la copertina della rivista, è stato ottenuto usando un microchip ricoperto di cellule polmonari umane viventi, e consente ai ricercatori di studiare la tossicità dei medicinali e identificare nuove potenziali terapie.


Gli scienziati diretti da Donald Ingber hanno prima ricreato il polmone su chip, poi hanno studiato un farmaco per la chemioterapia (interleuchina 2) direttamente sul micro-polmone. “Le maggiori compagnie farmaceutiche spendono molto tempo e una gran quantità di denaro su culture cellulari e test sugli animali per sviluppare nuovi farmaci – spiegano i ricercatori – ma questi metodi spesso non riescono a predire tutti gli effetti di queste sostanze una volta usate sull’uomo”. Il polmone su chip è pensato proprio per accelerare e rendere più efficace e meno costosa la ricerca.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x