Alzheimer e memoria semantica: l…

[caption id="attachment_1…

La qualità del sonno migliora co…

Un nuovo studio statunit…

Alzheimer: funziona la prevenzio…

La somministrazione prolu…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Arrivano gli stent per i restrin…

Buone notizie per i pazie…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Dal colesterolo una speranza con…

[caption id="attachm…

Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

SLA: un errore nella formazione …

Un errore nella formazion…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuova terapia per affrontare la sindrome di Cushing

Potrebbero esserci all’orizzonte nuove terapie per combattere la sindrome di Cushing, grazie a una scoperta fatta da un team internazionale di ricercatori, che sono riusciti a riprogrammare l’identità delle cellule della ghiandola pituitaria e hanno identificato i meccanismi fondamentali della programmazione epigenetica delle cellule. Il team crede che uno dei risultati di questa scoperta potrebbe portare a nuovi obiettivi farmacologici per la cura della sindrome di Cushing. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Genes & Development.

Si stima che la sindrome di Cushing colpisca circa 0.9 persone su 10.000 nell’Unione europea (UE). Questa malattia è caratterizzata da un eccesso dell’ormone cortisolo nel sangue ed è causata da piccoli tumori della ghiandola pituitaria che così produce quantità eccessive di ormone. Nei pazienti affetti da questa malattia, la produzione ormonale anormale può portare a ipertensione, obesità, diabete e osteoporosi.

I malati della sindrome di Cushing soffrono di un aumento di peso che interessa la faccia e il torso (ma non gli arti), crescita di grasso sulla clavicola e dietro il collo, lesioni, crescita eccessiva di peli ruvidi sul volto, indebolimento di muscoli e ossa, depressione, diabete e ipertensione. La sindrome di Cushing è una malattia grave che ha un lungo corso e può essere letale a causa delle complicazioni, che includono il diabete, l’ipertensione e i disturbi psicologici.

“Per circa il 10% dei pazienti che soffrono della malattia di Cushing, abbiamo scoperto che i tumori che causano la malattia contengono cellule che esprimono la proteina Pax7,” spiega il dott. Drouin, direttore dell’unità di ricerca in Genetica molecolare dell’Institut de recherches cliniques de Montréal (IRCM). Continua: “Attualmente non esiste un trattamento farmacologico efficace per la malattia di Cushing. Questa scoperta potrebbe portare allo sviluppo di una cura, basata sull’inibizione della crescita dei tumori attraverso gli ormoni, come si fa per altri tumori pituitari come gli adenomi lattotropi.”

Il team, coordinato dal dott. Drouin, ha studiato la ghiandola pituitaria detta ghiandola maestra, si trova alla base del cranio, dove secerne ormoni per controllare altre ghiandole del sistema endocrino. Qualsiasi disturbo delle funzioni pituitarie può avere terribili conseguenze sulla crescita, la riproduzione e il metabolismo.

All’interno della ghiandola pituitaria, ogni ormone è prodotto da cellule di diversa discendenza. Identità cellulari uniche sono create da programmi genetici specifici delle cellule attuati durante lo sviluppo. Una corretta programmazione cellulare è un processo fondamentale che deve essere compreso per sfruttare i benefici terapeutici della ricerca sulle cellule staminali.

Nel loro lavoro, i ricercatori hanno mostrato che la trascrizione del fattore Pax7 ha abilità pioneristiche, il che significa che è in grado di aprire la struttura cromatina saldamente chiusa di specifiche regioni del genoma. Questo smascheramento di un sottoinsieme delle sequenze regolatrici del genoma cambia la reazione del genoma ai segnali di differenziazione in modo che diversi tipi di cellule siano generati.

“Abbiamo riprogrammato l’identità delle cellule pituitarie usando il gene Pax7 in modo da creare due diversi tipi di cellule,” dice Lionel Burdy, ex studente del laboratorio del dott. Drouin e primo autore dell’articolo. “Questo ci ha permesso di mostrare che la proteina Tpit produce diverse stirpi di cellule, a seconda della presenza o dell’assenza della Pax7, e il suo impatto sull’organizzazione della cromatina.”

Il gruppo di ricercatori comprendeva scienziati dell’IRCM che hanno lavorato in collaborazione con colleghi dell’Université de la Méditerranée e dell’Hopital La Timone, Marsiglia, Francia, e dell’Università di Utrecht nei Paesi Bassi.

Per maggiori informazioni, visitare:

Institut de recherches cliniques de Montréal
http://www.ircm.qc.ca/

Université de la Méditerranée
http://www.univmed.fr/

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!