il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

IN DIRETTA LA CURA LASER PER LA …

Professor Giovanni Ferr…

Celiachia nel bambino: conoscerl…

Milano, 15 settembre 2014…

Malattie autoinfiammatorie rare …

[caption id="attachment_1…

Sclerosi multipla: prima volta s…

La ricerca italiana segna…

Pallacanestro Varese: ora anche …

Già da febbraio Pallacane…

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

ADHD: la necessità di percorsi d…

Dal modello adottato dall…

Uno studio rivela che l'aria è p…

[caption id="attachment_1…

Diabete 1, in arrivo una cura d…

Novità incoraggianti da…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pacemaker potenziato da battiti cardiaci grazie ad un dispositivo

Un dispositivo sperimentale converte l’energia proveniente dai battiti del cuore per fornire energia elettrica sufficiente ad alimentare un pacemaker. Il sistema e’ stato presentato alla sessione del 2012 dell’American Heart Association. I risultati dell’esperimento suggeriscono che i pazienti potrebbero alimentare il proprio pacemaker direttamente dai battiti cardiaci, eliminando la necessita’ di sostituire le batterie quando si sono esaurite.


Il dispositivo utilizza la piezolettericita’, carica elettrica generata dal movimento. Il risultato e’ una tecnologia promettente per pacemaker a bassa richiesta energetica. Lo studio e’ stato promosso da Amin Karami del Department of Aerospace Engineering dell’Universita’ del Michigan di Ann Arbor. I ricercatori ritengono che la piezoelettricita’ potrebbe alimentare anche altri dispositivi cardiaci impiantabili come i defibrillatori che necessitano di quantitativi di energia minimi. Attualmente il pacemaker deve essere sostituito ogni cinque o sette anni quando le batterie si sono esaurite. Un procedimento costoso, scomodo e ansiogeno per il paziente che il nuovo prototipo potrebbe sostituire definitivamente.

2 comments

  1. Pingback: Pacemaker potenziato da battiti cardiaci grazie ad un dispositivo | Solo Sogni Blog

  2. Pingback: Pacemaker potenziato da battiti cardiaci grazie ad un dispositivo | Scienza&Natura | Scoop.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: