Non solo più botox e filler: sar…

Non piu' solo botox e fil…

Trapianto capelli: nuova tecnica…

Nuove frontiere per comba…

Giuseppe Mele, presidente della …

I genitori di oggi guarda…

Virus influenzali: il cane potre…

Il migliore amico dell'uo…

Ricercatori fanno luce sulle imp…

[caption id="attachment_7…

Linfociti esausti tengono a bada…

Due distinti sottoinsiemi…

L’FDA approva un nuovo farmaco b…

La Food and Drug Administ…

Artrite reumatoide: per 9 person…

Per il 93% dei pazienti c…

Sindrome da delezione cromosoma …

C'e' una predominanza…

Malaria: isolata la proteina chi…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Arteriosclerosi: un pomodoro, geneticamente modificato, la può ridurre

Per la prima volta un pomodoro geneticamente modificato ha dimostrato di riuscire a produrre un peptide che mima le azioni del colesterolo ‘buono’ una volta introdotto nell’organismo. Le qualita’ dell’ortaggio modificato sono state presentate alla sessione del 2012 dell’American Heart Association. Lo studio promosso dall’Universita’ della California ha dimostrato che i topi che mangiavano il pomodoro da terra liofilizzato avevano meno infiammazioni e una minore arteriosclerosi (formazione di placche nelle arterie).


“Abbiamo trovato un metodo nuovo e pratico per creare un peptide che agisce alla stessa maniera della principale proteina del colesterolo ‘buono’ ma e’ decisamente piu’ efficace e puo’ essere somministrato semplicemente a tavola”, ha spiegato Alan Fogelman, autore dello studio e direttore dell’Atherosclerosis Research Unit della David Geffen School of Medicine dell’ateneo californiano. I ricercatori hanno creato un pomodoro geneticamente modificato che produce l’6F, un piccolo peptide che mima le azioni dell’ApoA-1, la proteina principale tra le lipoproteine ad alta densita’ del colesterolo ‘buono’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!