Il Botox risulta utile nel tratt…

Il trattamento con il bot…

Chemioterapia e fertilità: un fa…

Un nuovo farmaco sperim…

Fecondazione assistita: sono 5 m…

Sono arrivati a quota 5 m…

Disarmare i batteri e lasciarli …

La prossima strategia nel…

Tumori: si rinnova l'interesse p…

Mammella, prostata, fegat…

Ipotiroidismo: un terzo dei pazi…

La levotiroxina va p…

Invecchiamento cellulare acceler…

Le persone affette da dis…

Vaccino contro la leucemia: deci…

Scienziati britannici han…

CNR: Studi ad alta quota per meg…

Verificare l'ipotesi seco…

Neutrofili negli anziani: scoper…

Una nuova ricerca della Q…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prima sperimentazione clinica su pazienti pediatrici con staminali epatiche

Parte la prima sperimentazione clinica italiana su pazienti pediatrici con cellule staminali epatiche. Sara’ realizzata presso l’Azienda Ospedaliera Citta’ della Salute e della Scienza di Torino. Lo studio, coordinato dal professor Marco Spada (pediatra specialista in malattie metaboliche dell’ospedale Regina Margherita) verra’ effettuato su neonati affetti da malattia metabolica ereditaria e prevede l’utilizzo di cellule staminali derivate da fegato umano adulto.
Il protocollo di studio ‘Staminali epatiche’ su pazienti pediatrici e’ stato approvato dall’Istituto Superiore della Sanita’. Ultimo tassello il benestare, ormai ritenuto un passaggio tecnico visto il si’ dell’ ISS, del Comitato Etico aziendale, dirimente comunque in tema di sperimentazione sull’uomo di cellule staminali, la sperimentazione puo’ partire.
Lo studio era partito dalle sperimentazioni effettuate su modelli animali.

A prendervi parte attiva il gruppo di ricerca torinese diretto dal professor Giovanni Camussi, nefrologo presso l’azienda ospedaliera Citta’ della Salute e presso il Centro di Biotecnologie molecolari dell’Universita’ di Torino. I risultati ottenuti hanno gettato le basi per questo studio clinico che propone un approccio innovativo di terapia cellulare per il trattamento di malattie genetiche-metaboliche ad alta complessita’ e mortalita’.
Le possibili ricadute di questa sperimentazione si potrebbero avere anche nell’ambito della terapia d’avanguardia delle malattie metaboliche pediatriche e, in generale, delle emergenze epatiche mediche e chirurgiche.
Questo studio costituisce la prima sperimentazione clinica che deriva dagli studi e dai risultati del gruppo di ricerca torinese d’avanguardia del professor Camussi nel panorama mondiale della Medicina rigenerativa e dalla collaborazione e sinergia tra Centri clinici di eccellenza della Citta’ della Salute e della Scienza di Torino, quali il Centro trapianti di fegato diretto dal professor Mauro Salizzoni, la Radiologia diagnostica ed interventistica diretta dal dottor Dorico Righi ed il Centro di Malattie metaboliche ereditarie

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!