Colesterolo alto: pronto macchin…

Alcuni pazienti sono gene…

“Storie di vita negli anni d’arg…

Una ricerca condotta da F…

DAPHNE LAB, biomedica italiana a…

Già presente in Italia co…

Pediatria - Estate e bambini: us…

Roma, 26 luglio 2012 – L’…

Da invertebrati a vertebrati: co…

In una specie di emicorda…

Gene invecchiamento legato all'i…

Un gene che aiuta a c…

Big Pharma, il cento per cento d…

I settori principali sono…

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

Asma: gli ftalati sono una causa…

Due comuni ftalati utiliz…

Talassemia: il deferiprone si ri…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi Multipla: l’Ist. Besta metterà online tutte le informazioni

Per coinvolgere le persone con sclerosi multipla, i loro familiari e, piu’ in generale, l’opinione pubblica in un processo, contemporaneamente, di informazione e partecipazione, sfruttando le potenzialita’ del web, e’ nato il progetto IN-DEEP (Integrare le esperienze e le preferenze dei pazienti con sclerosi multipla con i risultati della ricerca scientifica per sviluppare informazioni sulla salute utili per decisioni informate e condivise). Il sito http://indeep.istituto-besta.it e’ il frutto di una collaborazione italo-australiana ed e’ on line da ieri.

Una buona informazione e’ fondamentale per fronteggiare e affrontare le sfide di una malattia come la Sm, con la quale si deve convivere per tutta la vita. E il web offre alla persona una opportunita’ preziosa di essere piu’ informata rispetto a ieri.

”L’informazione via web, in particolare quella interattiva rappresentata dal web 2.0 – spiega Graziella Filippini, Responsabile del progetto e Direttore dell’Unita’ di Neuroepidemiologia della Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Besta di Milano – e’ destinata sempre piu’ a diventare una parte importante dell’informazione medica. Per questo motivo e’ fondamentale capire se questa e’ attendibile o meno: e’ difficile risalire ai dati originali di una ricerca che sono per lo piu’ riportati su riviste scientifiche in lingua inglese. In questo contesto l’accesso all’informazione e come essa viene utilizzata dai pazienti e familiari sono aspetti critici. Sono pochi i risultati della ricerca che forniscono criteri, modelli e raccomandazioni su come questo debba essere fatto”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

[…] Sclerosi Multipla: l’Ist. Besta metterà online tutte le informazioni CondivisioneLeggi anche Chi era Winsor McCay Le partite di ieri in Champions League C’è un’allerta tsunami alle Hawaii dopo un terremoto di magnitudo 7.7 che ha colpito la costa occidentale del Canada Berlusconi dice che non si ricandida Le foto più belle di Richard Harris, che morì dieci anni fa […]

Archivi

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x