Sclerosi Multipla: gli ecceziona…

Roma, 28 gennaio 2009 – L…

Progetto Italian ePAQ : incontin…

Arriva in Italia uno stru…

Aneurisma cerebrale: predittive …

[caption id="attachment_6…

Alzheimer: la scoperta di una mo…

Un nuovo promettente comp…

Dolore: la sua sede è nel cervel…

Emicrania e mal di schien…

L'UE si prepara ad un progetto d…

È stato lanciato di recen…

Dimagrimento da....brivido

Dimagrire è un'impresa 'd…

Il meccanismo di azione dei farm…

[caption id="attachment_8…

Sclerosi Multipla: l'Ist. Besta …

Per coinvolgere le person…

Alcol e malessere del giorno dop…

Molte bevande alcoliche c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi Multipla: l’Ist. Besta metterà online tutte le informazioni

Per coinvolgere le persone con sclerosi multipla, i loro familiari e, piu’ in generale, l’opinione pubblica in un processo, contemporaneamente, di informazione e partecipazione, sfruttando le potenzialita’ del web, e’ nato il progetto IN-DEEP (Integrare le esperienze e le preferenze dei pazienti con sclerosi multipla con i risultati della ricerca scientifica per sviluppare informazioni sulla salute utili per decisioni informate e condivise). Il sito http://indeep.istituto-besta.it e’ il frutto di una collaborazione italo-australiana ed e’ on line da ieri.

Una buona informazione e’ fondamentale per fronteggiare e affrontare le sfide di una malattia come la Sm, con la quale si deve convivere per tutta la vita. E il web offre alla persona una opportunita’ preziosa di essere piu’ informata rispetto a ieri.

”L’informazione via web, in particolare quella interattiva rappresentata dal web 2.0 – spiega Graziella Filippini, Responsabile del progetto e Direttore dell’Unita’ di Neuroepidemiologia della Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Besta di Milano – e’ destinata sempre piu’ a diventare una parte importante dell’informazione medica. Per questo motivo e’ fondamentale capire se questa e’ attendibile o meno: e’ difficile risalire ai dati originali di una ricerca che sono per lo piu’ riportati su riviste scientifiche in lingua inglese. In questo contesto l’accesso all’informazione e come essa viene utilizzata dai pazienti e familiari sono aspetti critici. Sono pochi i risultati della ricerca che forniscono criteri, modelli e raccomandazioni su come questo debba essere fatto”.

1 comment

  1. Pingback: Sclerosi Multipla: l’Ist. Besta metterà online tutte le informazioni | Solo Sogni Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: