Depressione post partum: una mol…

[caption id="attachment_8…

Svizzera, primo intervento al ce…

[caption id="attachment_1…

Frenare il fenomeno di autofagia

Lo stress si ripercuote s…

I sulfamidici potrebbero tornare…

I principali effetti …

Sudorazione eccessiva: chirurgia…

Palmi madidi di sudore o …

L'interruttore di crescita cellu…

[caption id="attachment_7…

Fecondazione assistita: “Serve n…

L’appello della SIFES dal…

Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Iperparatiroidismo: condizione c…

Una dieta povera di calci…

“Pari e dispari – l’officina dei…

A Camerota, in provincia …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi Multipla: una nanoparticella blocca la degradazione della mielina

Un tipo di nanoparticella biodegradabile si e’ dimostrata capace di trasportare in modo efficace un antigene che induce il sistema immunitario a non attaccare piu’ la mielina, processo alla base della sclerosi multipla. Lo studio della Northwestern University e’ stato pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology. La nuova tecnica nanotecnologica potra’ essere applicata a una varieta’ di malattie autoimmuni, incluso il diabete di tipo 1, le allergie alimentari e alcune allergie come l’asma.

– Nella sclerosi multipla, il sistema immunitario attacca la membrana mielinica che isola le cellule nervose nel cervello, midollo spinale e nervo ottico. Quando l’isolamento e’ distrutto, i segnali elettrici non sono piu’ capaci di viaggiare. Il nuovo metodo messo a punto dagli studiosi non sopprime l’intero sistema immunitario: le nanoparticelle sono state attaccate all’antigene mielinico e sono state iniettate in alcuni topi, in modo che il sistema immunitario fosse ”resettato” e ritornasse normale. Il sistema immunitario, infatti, smetteva di riconoscere la mielina come un elemento estraneo e non lo attaccava. La nanoparticella e’ fatta di una sostanza facilmente prodotta e approvata dall’Fda, il Poly(lactide-co-glycolide) (PLG) che consiste in acido lattico e acido glicolico, metaboliti naturali del corpo umano, ed e’ stata sviluppata da Lonnie Shea, professore di ingegneria chimica e biologica. Shea e il suo team hanno effettuato test con diversi tipi di nanoparticelle scoprendo che quelle di 500 nanometri riuscivano a regolare la risposta immunitaria.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

[…] Sclerosi Multipla: una nanoparticella blocca la degradazione della mielina CondivisioneLeggi anche Bipolarismo: scoperta l’implicazione di mutazioni genetiche Forme di vita complessa nascono dai vantaggi della cooperazione Arriva il Italia il doc del prete gesuita gay espulso dalla Chiesa cattolica AriSLA: inizia la prima sperimentazione clinica Morbo di Parkinson: scoperta una proteina che causa forma rara malattia […]

Archivi

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x