Il gene mutato in grado di auto-…

[caption id="attachment_8…

BRONCHIOLITE DA RSV: IL 7O% DEI …

35° Congresso Nazionale d…

In un farmaco per il diabete un …

Scienziati all'Università…

Papilloma Virus: rischi...a pell…

[caption id="attachment_8…

Progetto Minimal: in che modo le…

Cosa possono imparare i d…

Nasce il Centro di Neuroscienze …

L’Università di Milano-Bi…

Resveratrolo contrasta l'insorge…

Il resveratrolo, una mole…

A Bologna il VII Congresso Nazio…

Nel capoluogo emiliano …

Quinto gusto, e i benefici sulla…

La possibilita' di gustar…

Vaccino: quello universale contr…

Passi avanti degli scien…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi Multipla: una nanoparticella blocca la degradazione della mielina

Un tipo di nanoparticella biodegradabile si e’ dimostrata capace di trasportare in modo efficace un antigene che induce il sistema immunitario a non attaccare piu’ la mielina, processo alla base della sclerosi multipla. Lo studio della Northwestern University e’ stato pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology. La nuova tecnica nanotecnologica potra’ essere applicata a una varieta’ di malattie autoimmuni, incluso il diabete di tipo 1, le allergie alimentari e alcune allergie come l’asma.

– Nella sclerosi multipla, il sistema immunitario attacca la membrana mielinica che isola le cellule nervose nel cervello, midollo spinale e nervo ottico. Quando l’isolamento e’ distrutto, i segnali elettrici non sono piu’ capaci di viaggiare. Il nuovo metodo messo a punto dagli studiosi non sopprime l’intero sistema immunitario: le nanoparticelle sono state attaccate all’antigene mielinico e sono state iniettate in alcuni topi, in modo che il sistema immunitario fosse ”resettato” e ritornasse normale. Il sistema immunitario, infatti, smetteva di riconoscere la mielina come un elemento estraneo e non lo attaccava. La nanoparticella e’ fatta di una sostanza facilmente prodotta e approvata dall’Fda, il Poly(lactide-co-glycolide) (PLG) che consiste in acido lattico e acido glicolico, metaboliti naturali del corpo umano, ed e’ stata sviluppata da Lonnie Shea, professore di ingegneria chimica e biologica. Shea e il suo team hanno effettuato test con diversi tipi di nanoparticelle scoprendo che quelle di 500 nanometri riuscivano a regolare la risposta immunitaria.

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Sclerosi Multipla: una nanoparticella blocca la degradazione della mielina | Solo Sogni Blog Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] Sclerosi Multipla: una nanoparticella blocca la degradazione della mielina CondivisioneLeggi anche Bipolarismo: scoperta l’implicazione di mutazioni genetiche Forme di vita complessa nascono dai vantaggi della cooperazione Arriva il Italia il doc del prete gesuita gay espulso dalla Chiesa cattolica AriSLA: inizia la prima sperimentazione clinica Morbo di Parkinson: scoperta una proteina che causa forma rara malattia […]

Archivi