Corsi di Make Up anti cancro: pe…

Il cancro della cervice u…

Chemio e radioterapia in gravida…

Presentati al congresso E…

Alzheimer: stimolazione magnetic…

[caption id="attachment_8…

Scienziati 'identificano' le for…

[caption id="attachment_6…

Autismo e smog: studiato il ness…

Le donne esposte ad alti …

Cardiologia: con uno scanner si …

Un nuovo test diagnostico…

Spina bifida: al Gemelli si da l…

Ricercatori dell'Universi…

Boehringer Ingelheim ha presenta…

Inoltrata alle autorità e…

Coaguli: dalla GB tecnica "aspir…

Il piccolo Albert Tansey…

Allergie: l'assortimento immunit…

Le mamme regalano al figl…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore alla prostata: al Regina Elena nuovo esame diagnostico

Un nuovo marker consente di discriminare meglio il tumore prostatico in pazienti con PSA elevato e permettere in tal modo di limitare il numero di biopsie non necessarie. Si tratta del proPSA impiegato in un’equazione nota come prostate health index (PHI, indice di salute prostatica) ora disponibile presso il Servizio di Patologia Clinica dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, diretto dalla dott.ssa Laura Conti. Il nuovo esame, che si effettua su un prelievo di sangue, sembra in grado di stabilire e monitorare l’aggressivita’ del tumore e dunque permettere di selezionare quei pazienti con un tumore clinicamente significativo. L’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e’ la prima struttura sanitaria pubblica nel Lazio ad effettuare questo test che ha un costo contenuto rispetto alle biopsie, piu’ specifico e con chiari vantaggi per la qualita’ di vita del paziente e per la spesa pubblica.

Il tumore della prostata e’ attualmente la neoplasia piu’ frequente tra i soggetti di sesso maschile, nel 2012 sono attesi 36.000 nuovi casi. L’incidenza del carcinoma prostatico ha mostrato negli ultimi anni una costante tendenza all’aumento ed e’ atteso un moderato e costante aumento anche per i prossimi decenni: l’incidenza stimata nel 2020 e’ di oltre 43.000 casi e nel 2030 di oltre 50.000.

”Il PSA totale – spiega Laura Conti – e’ caratterizzato da una ridotta specificita’ per l’identificazione precoce del tumore prostatico”. Da qui la necessita’ di affiancare al PSA totale ed al PSA libero, il nuovo marcatore [-2]pro PSA e l’algoritmo phi per una diagnosi piu’ accurata e specifica.

”Il phi non sostituisce il test del PSA – sottolinea Conti – bensi’ migliora la specificita’ clinica di rilevamento del carcinoma prostatico rispetto ai test attualmente in uso (PSA totale e % free PSA) identificando con maggiore accuratezza il paziente candidato ad una biopsia prostatica”. Il test, ora disponibile nei nostri Istituti, non e’ attualmente rimborsabile dal Servizio Sanitario Nazionale e per tale motivo e’ stata stabilita una tariffa minima per compensare i costi di esecuzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: