Tubercolosi: triplo cocktail di …

Un 'triplo cocktail' di f…

La differenziazione delle cellul…

Sono alcune cascate d…

Disponibile in Italia un nuovo f…

Cologno Monzese, aprile 2…

FDA pone il suo OK sul test rapi…

La Food and drug administ…

Dita bioniche restituiscono la m…

Maria Antonia Iglesias è …

Brescia: Mosca (SIN), la prematu…

Secondo il Presidente del…

[IRCCS E. Medea] Per traumi clin…

A Pieve di Soligo sperime…

Enfisema: la predisposizione e l…

Sebbene i topi non avesse…

SLA: una proteina anomala che si…

Scoperta una proteina ano…

Conta-morsi per dimagrire: la cu…

Ideato alla Clemson Unive…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: la protezione dall’osteoporosi arriva dalla vitamina D

Due studi diversi pubblicati entrambi su Journals of Gerontology, un solo risultato: la vitamina D protegge le donne di mezza età, oltre che dal rischio di osteoporosi, dal rischio di sviluppare la demenza di Alzheimer.

Il primo studio – Il primo dei due studi, realizzato da Cedric Annweiler dell’Angers University Hospital (Francia), hanno analizzato i dati provenienti da circa 500 donne coinvolte in uno studio sull’osteoporosi: in particolare, hanno rilevato che le donne che hanno sviluppato l’Alzheimer avevano livelli più bassi di vitamina D rispetto a coloro che non avevano sviluppato al malattia (le donne che avevano sviluppato il morbo di Alzheimer avevano una media di vitamina D pari a 50,3 microgrammi a settimana, mentre coloro che non hanno sviluppato la demenza avevano, in media, 59 microgrammi.

La seconda ricerca – Nell’altro studio i ricercatori guidati da Yelena Slinin del Centro VA Medical negli Stati Uniti ha rilevato che le donne con un basso apporto di vitamina D avevano più probabilità di incorrere nel declino cognitivo. Slinin e colleghi hanno analizzato i livelli della vitamina presente nei campioni di sangue di 6257 donne sottoposte, in contemporanea, a test di abilità mentale. Ed è emerso che bassi livelli di vitamina D – inferiori a 20 nanogrammi per millilitro di siero di sangue – sono risultati associati a maggiori probabilità di declino mentale.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi