Cancro al seno: bloccando i rece…

Bloccando un recettor…

Osteoartrite: è forte la correla…

I telomeri, le porzioni …

Dolore: stop a FANS e COXIB nell…

Ridurre l’uso improprio d…

OSTEOPOROSI: POSSIBILE CONTRASTA…

I consigli dei medici nel…

GIUSEPPE MELE, PRESIDENTE FIMP: …

Roma, 27 Ottobre 2012 - "…

Geneticamente predisposti alla v…

Stare bene in salute, ave…

Modello "stocasico" di sintesi p…

Nel processo di sintesi d…

Trapianto autologo cellule stami…

Significativi i miglioram…

Trapianti di fegato: se parziali…

Il trapianto di fegat…

Morbo di Parkinson: ricerca vers…

Un team internazionale di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: la protezione dall’osteoporosi arriva dalla vitamina D

Due studi diversi pubblicati entrambi su Journals of Gerontology, un solo risultato: la vitamina D protegge le donne di mezza età, oltre che dal rischio di osteoporosi, dal rischio di sviluppare la demenza di Alzheimer.

Il primo studio – Il primo dei due studi, realizzato da Cedric Annweiler dell’Angers University Hospital (Francia), hanno analizzato i dati provenienti da circa 500 donne coinvolte in uno studio sull’osteoporosi: in particolare, hanno rilevato che le donne che hanno sviluppato l’Alzheimer avevano livelli più bassi di vitamina D rispetto a coloro che non avevano sviluppato al malattia (le donne che avevano sviluppato il morbo di Alzheimer avevano una media di vitamina D pari a 50,3 microgrammi a settimana, mentre coloro che non hanno sviluppato la demenza avevano, in media, 59 microgrammi.

La seconda ricerca – Nell’altro studio i ricercatori guidati da Yelena Slinin del Centro VA Medical negli Stati Uniti ha rilevato che le donne con un basso apporto di vitamina D avevano più probabilità di incorrere nel declino cognitivo. Slinin e colleghi hanno analizzato i livelli della vitamina presente nei campioni di sangue di 6257 donne sottoposte, in contemporanea, a test di abilità mentale. Ed è emerso che bassi livelli di vitamina D – inferiori a 20 nanogrammi per millilitro di siero di sangue – sono risultati associati a maggiori probabilità di declino mentale.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x