A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Contro i virus non sempre è nece…

Una sperimentazione sui t…

Fertilità al maschile: in molti …

La microchirurgia riaccen…

SIN-ergia: analisi e riflessioni…

Presentazione dello studi…

Il telefono salva la vita. Ma an…

Congresso congiunto della…

Nuove terapie per eliminare le c…

Topi geneticamente modifi…

Un disordine dell'orecchio potre…

Disordini dell'orecchio i…

Second Sight annuncia il success…

Sylmar, California - 6 ma…

Infezioni batteriche ostacolate …

Per combattere le infezio…

Staminali embrionali: segnale ne…

La Commissione giuridica …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dai pipistrelli, oltre alla contrazione di patologie virali, anche possibile chiave funzionamento sistema immunitario

I pipistrelli possono fornire la chiave per comprendere come si diffondono le malattie infettive e come queste possano essere combattute e prevenute
Sono tra gli animali più antichi che ancora oggi popolano il pianeta Terra.sistema_immunitario
Sopravvissuti in milioni di anni rispetto ad altri che si sono estinti per varie cause, sono i pipistrelli: creature alate che hanno ispirato molti racconti gotici ma che, secondo gli scienziati australiani, possono celare indizi di vitale importanza per la salute e la longevità umana.

«I pipistrelli sono un serbatoio naturale per diversi virus letali, come Hendra, Ebola e la SARS – spiega nel comunicato AAHL il dottor Chris Cowled, post-doctoral fellow presso l’Australian Animal Health Lab (AAHL) di Geelong – ma spesso non soccombono alla malattia causata da questi virus. Sono anche l’unico mammifero in grado di volare, e vivono più a lungo rispetto agli animali simili per dimensioni».

Il professor Cowled, insieme ai colleghi dell’AAHL, riporta la rivista Science, sono impegnati da diverso tempo nel condurre ricerche atte a valutare gli effetti sulla popolazione umana dei virus potenzialmente trasmessi da questi mammiferi.

In questo ultimo loro studio, i ricercatori AAHL hanno collaborato con il Genome Institute di Pechino al fine di sequenziare i genomi di due particolari specie di pipistrelli: il grande pipistrello australiano Black Flying Fox, e il piccolo pipistrello cinese David Myotis.
Lo studio potrà fornire importanti e preziose informazioni per comprendere il perché questi animali siano immuni a certe malattie infettive, nonostante portino con sé proprio i virus. Le possibilità sono che si possano trattare in modo adeguato queste malattie negli uomini, se non addirittura prevenirle.
«Una più profonda comprensione di questi adattamenti evolutivi nei pipistrelli può portare a migliori cure per le malattie umane, e possono permetterci di prevedere o forse anche evitare focolai di virus cagionati dai pipistrelli», conclude Cowled.
La Stampa

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x