AIDS: studio italiano conferma l…

Grazie ai miglioramen…

Cellule tumorali evidenziate dal…

Effettuata per la prima v…

Trapianto cornea: alla Harvard …

[caption id="attachment_6…

Vitamina D: non solo dal sole, m…

Un nuovo studio mostra co…

HIV: in vitro scienziati modific…

Gli scienziati della Ucla…

Fumo: nelle donne in sovrappeso …

Il fumo potrebbe interfe…

Osteoporosi e pH stomaco: vane l…

[caption id="attachme…

Tumori ai polmoni: spettroscopia…

[caption id="attachment_9…

Disidratazione: negativa l'incid…

[caption id="attachment_7…

La dineina, pigro motore delle c…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fibrosi cistica: in arrivo nuovo kit diagnostico

E’ stato presentato al VIII Congresso della Società italiana Fibrosi Cistica (SIFC), organizzato a Tirrenia, il nuovo kit diagnostico frutto del lavoro della Diatech Pharmacogenetics, un “millepiedi” che cammina sul Dna dei pazienti per individuare il maggior numero di mutazioni genetiche e il rischio di trasmissione in famiglia della fibrosi cistica.
Si tratta di “un’innovazione tecnologica che porta una maggiore semplicità e specificità – ha spiegato la dott.ssa Manuela Seia, responsabile Unità Operativa Genetica e Citogenetica della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano – Il pannello sviluppato dalla Diatech Pharmacogenetics riesce a individuare la maggior parte delle mutazioni di tutte le regioni italiane. Per quanto riguarda la Lombardia e la sua popolazione eterogenea, possiamo parlare di un’individuazione del 90% delle mutazioni, considerando che questa regione ne presenta molte più di altre isolate geograficamente o con meno abitanti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi