Dopo il tumore alla prostata la …

Unità Operativa di Urolog…

TEVA annuncia i progressi degli …

- I risultati clinici per…

I "forti" leader sono sempre in …

Uno status sociale elevat…

29 ottobre 2010: giornata mondia…

Roma, 28 ottobre 2010 – “…

SIMG Cancer Pain, l’innovativa A…

SIMG Cancer Pain, l’innov…

Studio clinico osservazionale su…

Ricerca italiana: present…

Un nuovo processo di regolazion …

Il perossido di idrogeno,…

L’importanza di diagnosi e tratt…

Focus su alcune patologie…

Allarme merenda, per 6 esperti s…

La merenda giusta per i b…

Acqua di rete: un milione di ita…

Arsenico e altre sostanze…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I produttori di equivalenti fanno sconti soltanto all’SSN

Le quote di spettanza di grossisti e farmacie, per quanto riguarda i generici, sono fissate per legge dal 2009

Roma, 5 dicembre 2012 – “Ancora una volta dobbiamo registrare una certa confusione nelle argomentazioni con cui Farmindustria sostiene la sua contrarietà alle norme sulla prescrizione introdotte nella spendig review.

In particolare”, dice il presidente di AssoGenerici, Giorgio Foresti, “si usa il tema  degli sconti alla distribuzione intermedia e ai farmacisti in modo opposto alla realtà. I margini di spettanza del grossista e della farmacia, per quanto riguarda i medicinali generici, sono fissati per legge e quindi c’è l’assoluto divieto di praticare extrasconti, e questo fin dai tempi del cosiddetto Decreto Abruzzo del 2009, per tutti i generici rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale. Non ci risulta che tale norma valga per le specialità sotto brevetto o che abbiano goduto di protezione brevettuale. Per AssoGenerici, dunque, la tesi che la legge vada a favorire aziende che possono permettersi di fidelizzare la filiera a colpi di sconto è totalmente infondata.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi