Tumori: il fattore di crescita e…

La scarsa risposta al tra…

Diabete di tipo 2: con la dieta …

Il diabete di tipo 2, qu…

Ovaio policistico, possibile all…

Le donne in eta' riprodut…

Epatite A: vaccino su infanti co…

La vaccinazione contro il…

Papilloma virus: trovata protein…

Sviluppato un inibitore i…

Medtronic è tra le aziende più i…

Milano, 24 febbraio 2017 …

[Telethon]Cocktail di farmaci ef…

[caption id="attachment_7…

Incidenza tumori: ricerca shock,…

Ricerca shock pubblicata …

Eco del cervello rivela livelli …

E' possibile misurare…

Il canale vitaminico che avvia l…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I produttori di equivalenti fanno sconti soltanto all’SSN

Le quote di spettanza di grossisti e farmacie, per quanto riguarda i generici, sono fissate per legge dal 2009

Roma, 5 dicembre 2012 – “Ancora una volta dobbiamo registrare una certa confusione nelle argomentazioni con cui Farmindustria sostiene la sua contrarietà alle norme sulla prescrizione introdotte nella spendig review.

In particolare”, dice il presidente di AssoGenerici, Giorgio Foresti, “si usa il tema  degli sconti alla distribuzione intermedia e ai farmacisti in modo opposto alla realtà. I margini di spettanza del grossista e della farmacia, per quanto riguarda i medicinali generici, sono fissati per legge e quindi c’è l’assoluto divieto di praticare extrasconti, e questo fin dai tempi del cosiddetto Decreto Abruzzo del 2009, per tutti i generici rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale. Non ci risulta che tale norma valga per le specialità sotto brevetto o che abbiano goduto di protezione brevettuale. Per AssoGenerici, dunque, la tesi che la legge vada a favorire aziende che possono permettersi di fidelizzare la filiera a colpi di sconto è totalmente infondata.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x