Sclerosi Multipla: gli ecceziona…

Roma, 28 gennaio 2009 – L…

Progetto Italian ePAQ : incontin…

Arriva in Italia uno stru…

Aneurisma cerebrale: predittive …

[caption id="attachment_6…

Alzheimer: la scoperta di una mo…

Un nuovo promettente comp…

Dolore: la sua sede è nel cervel…

Emicrania e mal di schien…

L'UE si prepara ad un progetto d…

È stato lanciato di recen…

Dimagrimento da....brivido

Dimagrire è un'impresa 'd…

Il meccanismo di azione dei farm…

[caption id="attachment_8…

Sclerosi Multipla: l'Ist. Besta …

Per coinvolgere le person…

Alcol e malessere del giorno dop…

Molte bevande alcoliche c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’UE si prepara ad un progetto di prodotti farmaceutici sostenibili

È stato lanciato di recente il più grande partenariato pubblico-privato in Europa il cui scopo è sviluppare e produrre medicinali sostenibili. Coordinato dall’Università di Manchester nel Regno Unito e dalla GlaxoSmithKline, una delle più importanti aziende farmaceutiche del mondo, il progetto CHEM21 ha ricevuto oltre 26 milioni di euro, una parte dei quali proviene dall’Unione europea.

Il consorzio CHEM21, composto da 13 università e 4 piccole e medie imprese (PMI), cerca di sviluppare alternative biologiche e chimiche sostenibili ai materiali limitati, come i metalli preziosi. Gli scienziati e le aziende usano metalli preziosi come catalizzatori per la produzione di medicine. Secondo il team di CHEM21, integrando la biotecnologia nei processi di produzione dei farmaci si limiterà l’uso delle risorse mondiali, il che a sua volta contribuirà alla protezione dell’ambiente.

“È un’opportunità unica per i gruppi accademici di lavorare accanto alle aziende farmaceutiche e a PMI specializzate per sviluppare processi catalitici innovativi per la sintesi di farmaci”, ha detto il professor Nicholas Turner dell’Università di Manchester. “Crediamo che i problemi di questa natura si risolvano meglio su base pan-europea riunendo sotto lo stesso tetto le competenze di molti gruppi per stabilire un centro di ricerca di prima categoria sulla catalisi e sulla sintesi sostenibili”.

I partner del progetto creeranno un centro di ricerca europeo che fornirà le più recenti informazioni sulla chimica verde. Svilupperanno anche pacchetti di formazione che daranno ai futuri scienziati i mezzi per essere certi di comprendere i principi della produzione sostenibile.

John Baldoni di GlaxoSmithKline ha detto: “Migliorare la sostenibilità dei nostri processi di produzione di farmaci attraverso collaborazioni come CHEM21 non solo ridurrà l’impronta del carbonio del nostro settore, ma permetterà anche di accumulare risparmi che potranno essere reinvestiti nello sviluppo di nuove medicine, aumentare l’accesso ai medicinali tramite una riduzione dei costi e guidare innovazioni che semplificheranno e trasformeranno il nostro paradigma di produzione”.

Gli altri partner del progetto provengono da Belgio, Germania, Francia, Finlandia, Paesi Bassi e Regno Unito.

Per maggiori informazioni, visitare:

CHEM21:
http://www.chem21.leeds.ac.uk./

Università di Manchester:
http://www.manchester.ac.uk/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: