Cancro: peptide derivato dal pes…

Ricercatori identific…

Ultrasuoni per diagnosticare in …

Un nuovo dispositivo a ul…

Storie di uomini e batteri: l'in…

La composizione e la funz…

Tumori: nuovo metodo per valutar…

E' possibile predire il …

La sindrome di Alcock, che non t…

La nevralgia del pudendo,…

Un video ad alta velocità rivela…

[caption id="attachment_2…

INFLUENZA 2016/17: attesa stagio…

Milano, 3 ottobre 2016 - …

Rigenerazione dei tessuti da cel…

Nuove ricerche della In…

La strana correlazione tra anore…

Le ragazze con anores…

#Tumori: gli esperti puntano sui…

I nanofarmaci hanno migli…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi Laterale Amiotrofica: nuove speranze da cure con staminali

La sclerosi laterale amiotrofica (Sla), conosciuta anche come morbo di Lou Gehrig, e’ incurabile e fatale. Le cellule nervose nel midollo spinale muoiono, togliendo alla persona colpita la capacita’ di muoversi e persino di respirare.SLA Un consorzio di ricercatori di istituzioni diverse, tra cui il Sanford-Burnham Medical Research Institute, il Brigham and Women’s Hospital e la University of Massachusetts Medical School, propongono un nuovo esperimento che potrebbe essere promettente per combatterla: si tratta del trapianto di cellule staminali neurali.
In 11 studi indipendenti, il network di scienziati ha scoperto che il trapianto di cellule staminali neurali nel midollo spinale di un modello murino di Sla rallenta l’insorgenza della malattia e la sua progressione.

Questo trattamento migliora anche la funzione motoria e prolunga in modo significativo la sopravvivenza. Le cellule staminali neurali trapiantate non hanno prodotto benefici sostituendosi alle cellule nervose deteriorate, bensi’ preservando la salute e la funzione delle cellule nervose residue dell’organismo ospite. Questi risultati saranno pubblicati su ‘Science Translational Medicine’.
“Anche se non e’ una cura per la Sla umana – commenta Sanford-Burnham’s Stem Cell and Regenerative Biology Program – riteniamo che il trapianto di cellule staminali neurali, in particolare in aree che possono sostenere i centri di controllo del respiro, sia pronto per la sperimentazione clinica”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi